Jonathan Rea Kawasaki Superbike Australia 2019
Jonathan Rea (©Getty Images)

Superbike 2019, GP Australia: i commenti di Rea e Haslam dopo Gara 2.

Sicuramente a Jonathan Rea non ha fatto piacere essere sconfitto tre volte da Alvaro Bautista nel Gran Premio d’Australia 2019 Superbike. Il quattro volte campione del mondo, però, ha dovuto accontentarsi a Phillip Island.

In Gara 1 e Gara 2 è stato battuto nettamente dallo spagnolo della Ducati, che ha trionfato con oltre 12 secondi di margine. Nella Superpole Race i due hanno battagliato per i primi otto giri, poi l’ex pilota MotoGP nel finale ha saputo fare la differenza e vincere. Johnny lascia l’Australia con un tris di secondi posti che probabilmente rappresentano il massimo che poteva ottenere in questo weekend. Per il compagno Leon Haslam una domenica di riscatto, con due terzi posti dopo la caduta della prima manche del sabato.

Superbike 2019, GP Australia: Rea e Haslam dopo Gara 2 a Phillip Island

Rea è stato intervistato a caldo al termine di Gara 2 del Gran Premio d’Australia 2019 Superbike. Queste le sue dichiarazioni: «Sono molto felice di questo weekend. Abbiamo mantenuto le aspettative, sapevamo che sarebbe stato difficile. Lasciare questo Phillip Island con il giro record in gara e il miglior tempo in qualifica è molto positivo. Faccio i complimenti ad Alvaro, perché ci vuole un grande lavoro per venire qui da rookie e fare la differenza».

Johnny ritiene di aver ottenuto il massimo in questo fine settimana: Bautista e Ducati non si potevano battere in gara. Haslam ha il rimpianto di essere caduto in Gara 1 mentre era in zona podio, però oggi si è riscattato. Ecco il commento del campione BSB 2018: «Dispiace per la stupida caduta di ieri, oggi sono stato più cauto. Credevo di poter stare con Rea e di poterlo passare, ma non è stato così. Speravo di poter chiudere secondo, ma comunque si tratta di un buon risultato che va bene anche per il team. Non possiamo che migliorare a questo punto». In casa Kawasaki sono pronti a dare battaglia nel prossimo GP in Thailandia (16-17 marzo)

Matteo Bellan