Johann Zarco
Getty Images

MotoGP, boss KTM: “Con noi Marc Marquez potrebbe vincere”

Il CEO di KTM Stefan Pierer crede che i soldi necessari per ingaggiare il cinque volte campione della MotoGP, Marc Marquez, siano meglio spesi per sviluppare la sua RC16. Il pilota della Honda è stato a lungo legato a un potenziale futuro in KTM grazie ai suoi stretti legami con il suo sponsor principale, Red Bull. Ma Marquez, il cui attuale accordo Honda corre fino al 2020, ha ripetutamente sminuito il suo interesse ad esplorare nuove opzioni in MotoGP, lontano dal suo attuale team di lavoro.

Stefan Pierer, che in precedenza aveva criticato Ducati per aver speso troppo per lo stipendio di Jorge Lorenzo, ha suggerito che un’offerta per avere a disposizione Marquez non sarebbe stata la mossa giusta per KTM in questa fase. “Marc Marquez è un pilota eccezionale”, ha detto il boss di Mattighofen ad ‘Autosport’. “Sarebbe certamente in grado di vincere con il nostro materiale. Grazie a Dio il pilota è ancora molto importante nelle corse motociclistiche. È sempre difficile nelle prime fasi di un progetto: se vince, è a causa del pilota, se non vince è colpa della moto, puoi solo perdere. Non sto nemmeno parlando dello stipendio del pilota, anche se la Red Bull lo pagherebbe. Preferirei mettere i soldi risparmiati sulla moto, ma ciò richiede un respiro profondo e pazienza”.

KTM, investimenti e obiettivi 2019

KTM, che ha ampliato a quattro le RC16 con l’aggiunta di Tech3 come squadra satellite, può contare su due rider di esperienza come Pol Espargaro e Johann Zarco. Lo spagnolo ha segnato il primo podio della MotoGP di KTM in una gara bagnata a Valencia lo scorso anno, mentre Zarco è un pilota di alto spessore, che ha preferito unirsi alla casa austriaca anzichè alla Honda. Pierer ha rivelato che il programma MotoGP di KTM, che impiega 180 persone, sta operando con un budget di 40 milioni di euro nel 2019.

“Siamo al terzo anno e siamo ancora alle prime armi, ma siamo sulla buona strada. Corse significa anche pazienza. Ci sono voluti sette anni per vincere il Rally Dakar, da allora abbiamo vinto 18 volte di seguito. La MotoGP è un programma quinquennale e ora siamo al terzo anno: nel primo anno siamo partiti sorprendentemente bene e nel secondo anno abbiamo perso a causa di infortuni [a Espargaro e al collaudatore Mika Kallio], ma alla fine ci siamo ripresi. Per quest’anno mi aspetto di essere tra i primi 10 – ha concluso Stefan Pierer -. Se ottenessimo un podio, sarebbe certamente una grande cosa”.