Test Barcellona F1 1, Charles Leclerc imita Vettel

0
478
Charles Leclerc (Ferrari Twitter)

F1 | Test Barcellona 1, Charles Leclerc imita Vettel

A differenza del compagno di squadra che aveva subito aperto le danze, lui ha aspettato un po’, ma alla fine il risultato è stato lo stesso. Charles Leclerc ha piazzato la Ferrari #16 davanti a tutte le altre monoposto con il crono di 1’18″247 firmato con gomma C3, e  come Sebastian Vettel lunedì ha girato molto. Ben 73 le tornate allo scoccare delle 13.

Il monegasco, autore di un buon inizio di avventura in Rosso non ha incontrato problemi ed è stato solamente protagonista di un innocuo testacoda nell’insidiosa penultima curva.
Alle sue spalle con il crono di 1’19″234 (sempre su C3) si è piazzato con uno slancio negli ultimi minuti la Haas di Kevin Magnussen, decisamente poco attivo avendo coperto poco più di una trentina di tornate.

Terzo con un 1’19″312 Antonio Giovanizzi con l’Alfa Romeo Racing, a conferma del livello di performance mostrato ieri da Kimi Raikkonen. Il pugliese ha completato 62 giri, pure lui senza incontrare grosse difficoltà. Tra i lavori effettuati anche quelli sull’aerodinamica, con pittura fluo sulle fiancate.

Quarto Lando Norris, primo ad entrate in attività e subito messo sotto con le griglie di rilevazione aerodinamica. Per sfortuna del pilota McLaren, la buona volontà è stata fermata in un amen considerata la bandiera rossa sventolata dopo pochi minuti per il testacoda di Alexander Albon, al debutto come lui su una F1.

Quinto Pierre Gasly con la Red Bull davanti a Daniel Ricciardo su Renault e alla Mercedes di Lewis Hamilton. L’inglese non ha quasi per nulla lavorato sull’aerodinamica, ma a cercato di spremere il più possibile la sua W10 coprendo 74 giri, uno in più del ferrarista.

Mediocre, infine, la prestazione di Lance Stroll, per la prima volta da pilota Racing. Il canadese  è stato il più lento con un tempo di 1’20″433. Come per molti colleghi un po’ di fluo sulla macchina.

Chiara Rainis