Alfa Romeo (Getty Images)

F1 | Alfa Romeo nuova arma Ferrari per battere la Mercedes

L’Alfa Romeo comincia a fare la voce grossa in F1. Dopo il cambio di denominazione della scuderia la casa del biscione ha dimostrato di fare sul serio anche in pista. Le vetture ha fatto sinora solo pochi Km, ma per stessa ammissione di Raikkonen questa monoposto sembra già promettere molto bene.

Naturalmente è inutile prenderci in giro, in questa scuderia c’è davvero molto poco di Alfa Romeo, se non il nome e il logo attaccato sulle fiancate. C’è invece davvero molto di Ferrari. La squadra di Maranello, infatti, sulla falsariga di quanto fatto da Red Bull con Toro Rosso ha deciso di creare con Sauber una sorta di junior team.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti sulla F1 CLICCA QUI

Un’Alfa da applausi nei test

Le vetture a livello meccanico sono molto simili e anche a livello aerodinamico sono state prese alcune scelte in linea tra i due team che in ogni caso conservano una propria anima indipendente. In Alfa Romeo sono arrivati tantissimi tecnici Ferrari trasformando la Sauber in una sorta di team primavera della casa di Maranello. Non a caso dall’anno scorso un tecnico preparato come Simone Resta è passato dalla Rossa al team svizzero.

L’operazione voluta da Marchionne ha un duplice scopo: per prima cosa si vuole cercare di valorizzare un brand come quello dell’Alfa, che negli ultimi anni in maniera decisa sta lottando finalmente ad armi pari con Mercedes, BMW e Volkswagen a livello commerciale. Inoltre la squadra servirà a far crescere i giovani dell’Academy e magari qualche futuro tecnico della Rossa.

Il progetto Alfa Romeo però sembra essere entrato ad oggi in una fase davvero decisiva. L’ingaggio di un pilota navigato ma importante come Raikkonen non è certo banale. L’obiettivo di Ferrari da questa stagione è di provare ad inserire in qualche Gran Premio ulteriori vetture tra sé e la Mercedes per provare a vincere un titolo che manca ormai da oltre un decennio.

Antonio Russo