Caso Williams, la macchina arriverà mercoledì mattina

0
158

 

Williams (Getty Images)

F1 | Caso Williams, la macchina arriverà mercoledì mattina

Almeno i piloti ci sono. George Russell e Robert Kubica hanno fatto capolino nel paddock del Montmelo nel dopo pranzo di questo martedì, ma probabilmente per vederli in pista dovremo attendere ancora un po’. Il motivo è semplice. La vettura dovrebbe arrivare all’aeroporto di Barcellona non prima mercoledì mattina.

Insomma, con ogni probabilità il motore della FW42 si accenderà nel pomeriggio considerato che la monoposto deve essere prima trasportata fino al Circuit de Catalunya e quindi assemblata.

A quanto pare l’auto dovrebbe arrivare nelle prime ore del mattino e da lì intraprendere un altro mini viaggio verso il tracciato catalano dove ad aspettarla ci saranno i due driver oltre ai meccanici.

Dalle voci trapelate, nelle ultime ore, nella fabbrica di Grove si sono davvero rimboccati le maniche per non saltare completamente la prima quattro giorni di test invernali, in ogni caso la figuraccia rimediata è stata di quelle colossali. Un team con un nome tanto glorioso ridotto a effettuare i test con il contagocce per una mera questione di mancanza di liquidi. Ma non solo. Tutti gli ultimi anni della scuderia sono stati abbastanza umilianti con la rincorsa ai driver con il portafoglio pieno, dal canadese Lance Stroll, al russo Sergey Sirotkin, per finire con la promozione di Kubica, rientrato più grazie ai 10 milioni di euro offerti dal suo sponsor personale, il petroliere polacco PKN Orlen, che per merito, basti ricordare come appena 12 mesi fa venne scartato per favorire il biondo moscovita proprio perché in quel momento aveva a disposizione più denaro di lui.

La nostra monoposto dovrebbe arrivare all’aeroporto di Barcellona tra le 4 e le 5 di domani mattina“, ha confermato l’amaro comunicato ufficiale. “Ovviamente dovremo lavorare molto duro e velocemente, ma cercheremo di fare più presto possibile“, l’augurio finale con la speranza di non dover dare un altro forfait.

Chiara Rainis