Antonella Clerici: “sento mia figlia sfuggire, sono imperfetta”

0
707

antonella clerici

Antonella Clerici si lascia andare ad una confessione a cuore aperto: “sento mia figlia sfuggire, sono una mamma imperfetta”.

Antonella Clerici si lascia andare ad una confessione a cuore aperto in un’intervista rilasciata ai microfoni del settimanale Oggi. La conduttrice che ha lasciato La prova del cuore e Roma per trasferirsi in campagna e cominciare una nuova vita insieme al compagno Vittorio Garrone, ha parlato anche della sua vita da mamma. Con la figlia Maelle che sta crescendo, la Clerici non nasconde le sue paure.

Antonella Clerici: “sono una mamma imperfetta, sento mia figlia sfuggire”

Maelle, nata dalla storia d’amore tra Antonella Clerici ed Eddy Mertens, ha ormai dieci anni e la conduttrice ammette di essere un po’ spaventata. «Egoisticamente mi piacerebbe tornare a quando andava all’asilo, perché ero così presa dal lavoro che so di essermi persa qualcosa. E ora che ci sono molto di più vedo che lei ha i suoi interessi e inevitabilmente me la sento “sfuggire”. Sono una mamma imperfetta. Poi ripenso a mia madre e mi rivedo replicare le sue stesse insistenze e pressioni e mi dico: “Ma non ti ricordi quanto ti davano fastidio? ”. E allora lavoro su me stessa», spiega la Clerici che poi aggiunge – «Prima mi voleva sempre, ero il suo “tutto”, adesso mi cerca solo al momento di addormentarsi».

Sentimentalmente, Antonella Clerici sta vivendo un periodo felice e sereno. Con Vittorio Garrone ha trovato quell’amore che cercava e, per il futuro, dice: «Io voglio invecchiare con lui, questo solo so… Dopo i 50 anni è naturale considerare che ti resta meno tempo da vivere, noi ci siamo incontrati che tutto era risolto: identità, lavoro, gusti. Io ho trovato l’uomo perfetto, è naturale che sogni di stringere la sua mano per il resto della mia vita e camminare insieme anche “da grandi”. No, la vecchiaia con Vittorio non mi fa paura».

Proprio l’amore per la figlia e il compagno ha convinto Antonella Clerici a rivoluzionare la propria vita mettendo in secondo piano il lavoro e rinunciando così ad un programma che le ha regalato tanto successo, ma per il quale doveva essere in diretta sei giorni su sette.