Figuraccia della Williams, mancano i pezzi e salta il primo giorno di test

I britannici non sono ancora pronti

0
122
Williams (Twitter)

F1 | Figuraccia della Williams, mancano i pezzi e salta il primo giorno di test

C’era una volta la Williams, un scuderia che faceva tremare i polsi anche in casa Ferrari. Una squadra capace di portare a casa 114 vittorie, 9 titoli costruttori e 7 piloti. L’ultima annata iridata per gli inglesi è datata 1997. Qui negli anni hanno vinto: Mansell, Damon Hill, Alan Jones, Jacques Villeneuve, Nelson Piquet, Alain Prost e Keke Rosberg.

Per anni la Williams ha dominato la F1 e ne sa qualcosa Michael Schumacher che prima dell’exploit McLaren-Mercedes ha lottato per anni con i piloti proprio della casa britannica. Negli ultimi anni in Ferrari del tedesco spesso ha combattuto per il titolo con Montoya e il fratello Ralf che all’epoca correvano proprio per il marchio di Grove.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti sulla F1 CLICCA QUI

Mancano pezzi

Negli ultimi 15 anni però il rendimento della scuderia è letteralmente crollato. Ad eccezione dei tre anni (dal 2014 al 2016) con la coppia MassaBottas, il rendimento dei britannico è stato letteralmente pessimo. Fallimentare l’ultima annata con appena 7 punti raccolti e un malinconico 10° posto ottenuto nella classifica iridata.

Va da sé che questo 2019 aveva bisogno di una sterzata forte. Persi i soldi di Stroll migrato in Force India, scuderia praticamente rilevata dal padre, in Williams si sono affidati ad una vecchia volpe come Kubica, che torna in F1 dopo l’infortunio con sulle spalle il peso di essere considerato ancora oggi uno dei migliori piloti della sua generazione.

Come riportato da “Motorsport.com”, però la sterzata la Williams per ora l’ha data in negativo. Il box inglese infatti resterà sigillato in questa prima giornata di test a causa della mancanza di alcuni pezzi. Dopo l’annullamento del filming day questa è l’ennesima figuraccia per la casa di Grove che sta inviando in queste ore i pezzi per completare la vettura così da poter almeno prendere parte, si spera, ai test di domani.

Antonio Russo