(websource)

Ancora polemiche sul caso Diciotti dopo la richiesta di autorizzazione a procedere da parte del tribunale dei ministri nei confronti del vice premier Matteo Salvini, il quale si dichiara sereno a riguardo.

Ho fatto il mio dovere e ho difeso i miei concittadini, come prevede la Costituzione. Ho difeso la mia Patria, come è dovere di ogni cittadino“.

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vito Crimi afferma che “i politici devono sempre andare a testa alta davanti ai giudici, senza avere nulla da temere, specie se fanno scelte consapevoli e motivate“. Anche se “il caso Diciotti è un caso anomalo” poiché un tribunale “sta indagando un intero governo per un’azione che rientra nelle proprie politiche e nelle scelte fatte in campagna elettorale, per le quali si è stati votati“.

Nel frattempo sono iniziate le votazioni sul blog del Movimento 5 Stelle riguardo alla decisione di procedere contro Salvini; non tutti sono favorevoli a tale tipo votazioni, come ad esempio il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, il quale pensa che sia “una scelta ridicola che offende la democrazia parlamentare, che cerca di togliere ogni responsabilità al M5S incapace di decidere se stare dalla parte del diritto o del giustizialismo“.