Valentino Rossi: “Dispiace non aver vinto con Ducati”

Il Dottore ancora si dispera per gli anni in Ducati

0
807
Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi: “Dispiace non aver vinto con Ducati”

Valentino Rossi ha avuto una carriera lunga e ricca di successi, ma purtroppo nel suo curriculum c’è la macchina di aver fallito nel biennio con la Ducati. Il rider di Tavullia a distanza di così tanti anni ancora ci pensa e si dispiace.

Come riportato dalla “Gazzetta dello Sport”, Valentino Rossi ha così parlato della possibilità di ritornare in Ducati: “Con la Ducati di oggi? Non saprei. A me è dispiaciuto davvero tanto non essere riuscito a vincere con loro, ma non era il momento giusto. Siamo stati sfortunati entrambi”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Valentino Rossi CLICCA QUI

Il Dottore punta su mamma Stefania come nonna

Il Dottore ha poi parlato del proprio rapporto con le donne: “La cosa che faccio il pilota e che sono Valentino Rossi ha aiutato. Però allo stesso tempo sono anche un ragazzo interessante, un bel ragazzo e le donne come si divertono. Essere una mia fidanzata da un certo punto di vista è complicato: mi devi dividere con tutti. Anche se andiamo a cena da soli. Viene il tifoso, il cameriere che ti chiede la foto, quello del ristorante che vuole sapere come va la moto. Però oltre questo è facile perché sono bravo, non rompo”.

Valentino Rossi ha poi parlato della possibilità di avere un figlio e dei nonni ha detto: “Graziano? Se proprio devo puntare su qualcuno, punto su mamma Stefania, sembra più affidabile, sarà una super nonna. Io ho girato il mondo, ma non cambierei mai l’Italia. Abitiamo nel posto più figo del mondo, anche Tavullia è bellissima, ne sono innamorato. I problemi dell’Italia sono sempre i soliti, gran potenziale, ma si può fare di più”.

Infine il 46 ha così concluso: “A 40 anni guardo un po’ di politica. Non è una grande passione, ma cerco di capire e certe cose mi fanno arrabbiare, ma non sono un esperto. Per i miei tifosi credo che il regalo più bello sia quello di continuare a vedermi correre ancora con impegno assoluto”.

Antonio Russo