MotoGP, KTM silura Honda sul licenziamento di Dani Pedrosa

0
1266
Getty Images

MotoGP, KTM silura Honda sul licenziamento di Dani Pedrosa

Dani Pedrosa ha guidato per Honda per 18 anni, 13 dei quali in MotoGP. Ma invece di continuare a lavorare per Honda come ambasciatore del marchio o in altra veste dopo le sue dimissioni, lo spagnolo ha optato per un passaggio a KTM. Il team manager della Honda, Alberto Puig, suo ex mentore, non ha preso bene la decisione del suo ex pupillo, ma il CEO Stefan Pierer non può resistere a tirare una frecciata al concorrente giapponese.

“Devi immaginare che Dani Pedrosa verrà licenziato dopo 13 anni in Honda da un giorno all’altro… Dani è un eroe, questo è “the ambassador! E perché viene da noi? Perché ha visto con Mike Leitner come funziona con noi… A differenza dei giapponesi, consideriamo davvero KTM una famiglia. Siamo nel bene e nel male per la nostra gente. Se un pilota si fa male allora gli stai accanto”.

Per tutte le news su Dani Pedrosa LEGGI QUI

Pedrosa ritorna in pista a maggio

Dani Pedrosa si unirà al team di test non prima di maggio. Le uscite in pista non sono state pianificate. Attualmente, lo spagnolo si sta riprendendo da un’operazione alla clavicola e quindi non ha partecipato alla presentazione della squadra a Mattighofen. “Penso, che sarà di nuovo pienamente in forma a fine aprile o inizio maggio se tutto va come dicono i medici… Ha vinto innumerevoli Gran Premi ed è stato in MotoGP per molti anni. Lui può aiutarci ovunque! L’abbiamo già visto durante il test di un giorno a Jerez. È stato molto interessante… E’ molto piacevole avere un pilota di un’altra marca perché vede e spiega le cose in modo diverso. E questo è stato molto positivo. Non vedo l’ora che sia davvero in forma. ”

Pedrosa, piccolo e relativamente leggero, è sempre stato un pilota speciale della MotoGP. I critici ritengono che le sue sensazioni tecniche potrebbero quindi non essere rappresentative per altri conducenti. Mike Leitner cancella queste preoccupazioni: “Dani è un pilota collaudatore onirico. Perché se qualcuno è così fuori dalla norma, deve trovare un giudizio ancora migliore per essere in grado di guidare veloce. Non può che essere positivo”.