antonella clerici figlia
La figlia ed il suo compagno: Antonella Clerici ha tutto quello che desidera (websource/archivio)

La vita le sorride, ma Antonella Clerici ha i suoi tormenti: parlando della figlia Maelle, la presentatrice tv esprime alcuni desideri mancati.

Da quando Antonella Clerici si è trasferita ad Arquata Scrivia, in provincia di Alessandria, la sua vita è improvvisamente rallentata rispetto ai frenetici ritmi tenuti quotidianamente per i frequenti impegni di lavoro nel caos cittadino di Roma. E per la presentatrice di Legnano questa era una svolta necessaria per poter finalmente coltivare gli affetti di famiglia. Al settimanale ‘Oggi’ l’ex conduttrice de ‘La Prova del Cuoco’ si racconta, parlando anche di qualche rimpianto passato ma non nascondendo di avere una esistenza contrassegnata da felicità. “Merito di mia figlia e del mio compagno, Vittorio Garrone. Ma di Maelle mi sono persa qualcosa, vorrei tornare indietro nel tempo a quando andava all’asilo. Lavoravo troppo e so che qualcosa ho dovuto lasciarlo per strada. Adesso sono molto più presente, vedo che interessi ha ma inevitabilmente penso a quello che non sono riuscita a darle in più tempo addietro.

Antonella Clerici: “Tornando indietro dedicherei più tempo a mia figlia”

“Si, sono una mamma imperfetta” confessa Antonella Clerici. Che però aggiunge: “Penso anche a mia madre e finisco con il comportarmi come lei, allora mi dico ‘Ma non ti rendi conto che pressi tua figlia come tua mamma faceva con te?’ e mi dò una regolata”. Un aspetto che non deve mancare in casa della Clerici è la cultura. “Essa è libertà, a Maelle lo ripeto sempre: deve studiare perché è questo che rende davvero liberi”. E poi si parla del suo amore, Vittorio Garrone. “Voglio invecchiare con lui, ci siamo conosciuti in un momento in cui eravamo già esperti e realizzati, con identità, lavori…per me è l’uomo perfetto e sogno di passare il resto della mia vita al suo fianco. Con lui accanto a me la vecchiaia non mi fa paura”.

LEGGI ANCHE –> Antonella Clerici, che attacco a Elisa Isoardi