F1 | Nico Rosberg sicuro: “La F1 non mi manca per niente”

Considerato quanto poco è stato assente dal paddock viene da crederci poco. Chi era presente, ricorderà che dopo aver annunciato l’addio alla F1 ad inizio dicembre 2016, ovvero ad una manciata di giorni di distanza dalla conquista del suo primo e unico titolo iridato,  il tedesco non era neppure riuscito a saltare i test di Barcellona a febbraio malgrado si fosse trattato di una mera comparsata, ma questo è. Nico Rosberg ha rinnovato alla tv locale ZDF il suo compiacimento per aver mollato la vita girovaga da Circus (in realtà spesso ha svolto il ruolo di commentatore sui vari circuiti), per dedicarsi alla famiglia e ad altri affari.

La F1 non mi manca per nulla e questa è la cosa più importante. Allora, quando decisi di andare via, non avevo idea di come mi sarei sentito due, tre mesi, o un anno dopo. E’ stato un vero e proprio stop. Qualcosa di fondamentale della mia vita ad un tratto si è concluso. Fortunatamente ho una moglie, dei figli, altre passioni che mi hanno consentito di trovare presto un’altra strada. Credo dunque che sia stata la decisione migliore“.

A far capire al 33enne cresciuto a Montecarlo che è stato giusto lasciare le corse, alcuni episodi visti in pista ultimamente. “Devo confessare che ci sono dei momenti in cui vedo delle cose e mi dico che è una fortuna che non sia più in macchina. Prendiamo ad esempio Baku. Si arriva a 360 km/h nel bel mezzo di una città con i muretti davanti. A differenza di molti altri colleghi io non sono mai stato un temerario. A volte mi spaventavo“, ha ammesso.

Infine sui suoi recenti investimenti in Formula E, Rosberg ha chiosato con entusiasmo: “Il campionato sta crescendo tantissimo. In appena 4 anni ha raggiunto un valore di 700 milioni di euro. Qualcosa di incredibile ed è tutto per il futuro”.

Chiara Rainis