MX-5 30Th Anniversary

Mazda, 30 anni di MX-5 in una serie limitata

Così come nel 1989 debuttava al salone di Chicago, la Mazda MX-5 ritorna, con la stessa essenza di sempre, nello stesso salone, per festeggiare i suoi 30 anni di onorata carriera.

Sono stati tre decenni di affermazione di un concetto innovativo per le automobili giapponesi, ossia quello di racchiudere in una piccola roadster una sportività non esagerata ma che, grazie al peso ridotto, all’ottima ingegnerizzazione generale e alla progettazione ben calibrata fosse capace di regalare un piacere di guida tranquillamente paragonabile ad altre sportive più blasonate.

Per tutte le news sul mondo auto LEGGI QUI

Ad oggi siamo arrivati alla quarta generazione, la ND, che viene fregiata di una serie limitata di 3000 esemplari, sia in versione cabrio che coupé, per celebrare i 30 anni dall’uscita sul mercato: è la Mazda MX-5 30th Anniversary Edition.

Tinta dedicata ed inedita: la Racing Orange

Se si vuole passare inosservati, forse non è il caso di scegliere questa serie limitata, perché questo arancione è l’unico colore disponibile. Se invece siete appassionati del modello, potrebbe proprio fare al caso vostro: il Racing Orange è infatti un colore inedito per la MX-5 ed verrà utilizzato solo per la 30th Anniversary Edition.

Altri tratti distintivi saranno la targhetta identificativa con il numero di serie presente all’interno e il badge dedicato sulla carrozzeria, così come i cerchi in alluminio forgiato sviluppati in collaborazione con Rays. Accattivante il contrasto delle ruote con le pinze freno arancioni, Brembo all’avantreno e Nissin al retrotreno.

Salendo a bordo (o forse sarebbe meglio dire scendendo, visto che la MX-5 è attaccata all’asfalto) ci si accomoda su sedili sportivi Recaro e si può contare anche sul sistema audio Bose Autopilot 2 a nove altoparlanti, con compatibilità sia con dispositivi Apple che Android.

Sarà possibile ammirarla anche al prossimo Salone di Ginevra che si terrà a marzo, insieme alla nuova 3 e il nuovo SUV concept.

Daniele Mancin