Mahmood al Festival di Sanremo 2019, dopo la vittoria nella categoria giovani (foto dal web)

Alla categoria big del prossimo Festival di Sanremo parteciperà anche Mahmood, pseudonimo di Alessandro Mahmoud, il cantante che ha trionfato insieme ad Einar Ortiz a Sanremo Giovani 2018.

Manca sempre meno all’inizio della 69esima edizione del Festival di Sanremo che aprirà i battenti martedì 5 febbraio 2019. Nel corso del Festival dedicato ai giovani cantanti, svoltosi dal 17 al 21 dicembre 2018, sono stati svelati i 24 partecipanti che saliranno sul palco dell’Ariston. Tra questi ci sono anche i due e vincitori delle due serate finali della sezione giovani: Alessandro Mahmoud ed Einar Ortiz che si sono guadagnati l’occasione di competere con i big. Mahmood, il nome d’arte di Alessandro Mahmoud, ha trionfato con l’inedito Gioventù bruciata e a Sanremo 2019 parteciperà con il brano Soldi.

Mahmood: la carriera dell’artista che ha trionfato a Sanremo Giovani 2018

Il vincitore della seconda serata del Festival di Sanremo  Giovani è Mahmood, pseudonimo di Alessandro Mahmoud, che aveva già partecipato alla kermesse nel 2016 nella categoria Nuove Proposte con il brano Dimentica. Il cantante è nato a Milano il 12 settembre 1992 da madre italiana e padre egiziano. Sin da bambino Alessandro inizia ad avvicinarsi al mondo della musica frequentando lezioni di pianoforte, chitarra e canto lirico tenute dal maestro Gianluca Valenti. Nel corso degli studi, Mahmoud lavora come cameriere per mantenersi sino a quando decide di iscriversi ad alcuni concorsi canori. Tra questi c’è anche la sesta edizione di X Factor, il talent musicale di Sky condotto da Alessandro Cattelan, andata in onda tra settembre e dicembre 2012. Alessandro stupisce sin dall’inizio riuscendo ad arrivare sino agli Home Visit nella squadra del giudice Paola Folli. Mahmood successivamente viene ripescato alla terza puntata dei Live, entrando a far parte della squadra di Simona Ventura, ma viene subito eliminato dopo il ballottaggio con Romina Falconi, scatenando le polemiche del suo coach. Terminata l’avventura ad X Factor, il cantante milanese inizia una collaborazione con il produttore Pierpaolo Peroni, con il quale scrive ed incide il suo primo singolo Fallin’ Rain, cantato in inglese, che riscuote un discreto successo entrando anche nella top 10 di iTunes Dance. Nel 2013 stringe una nuova collaborazione con due giovani produttori, Marcello Grilli e Francesco Fugazza, con cui scrive ed arrangia diversi brani, avvicinandosi molto al genere elettronico. Due anni più tardi partecipa al concorso Area Sanremo, promosso dal Comune della città ligure e dalla Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo. Mahmood ad Area Sanremo partecipa con il suo inedito Dimentica che conquista la giuria, ottenendo la vittoria e, dunque, l’accesso alla categoria Nuove Proposte del Festival di Sanremo. A quest’ultima il cantante milanese ottiene la quarta posizione, dietro Francesco Gabbani, Chiara Dello Iacovo ed Ermal Meta. Dopo la partecipazione al Festival, Mahmood continua a scrivere ed arrangiare brani che conquistano gli ascoltatori. Nell’estate del 2017 escono due singoli di successo Luna, scritto insieme a Fabri Fibra ed uscito a giugno nell’album Fenomeno del rapper, e Pesos singolo inciso a luglio. A novembre dello stesso arriva un featuring con Michele Bravi Presi Male, contenuto nella ristampa del disco dell’artista. Nel corso dell’ultimo anno ha scritto insieme ad Elodie, il brano Sobrio, contenuto nel disco Sinatra di Guè Pequeno, ed in collaborazione con Dario Faini Nero Bali, brano cantato da Elodie e Michele Bravi e vincitore del Disco di Platino. Ha collaborato anche alla stesura dei testi del nuovo album di Marco Mengoni uscito a novembre 2018, stesso mese di pubblicazione del brano Doppio Whisky, in cui Mahmood duetta con il rapper Guè Pequeno. La canzone è stata scelta anche come colonna sonora della serie tv Sinatra. A settembre è uscito il suo primo EP Gioventù bruciata, inciso per Island Records e contenente 5 tracce di cui una in featuring con Fabri Fibra. Dal suo primo Ep, il cantante milanese ha lasciato volontariamente fuori il singolo omonimo con cui ha partecipato al Festival di Sanremo Giovani. Alla kermesse, svoltasi a dicembre, Mahmood si è esibito alla quarta serata della prima fase e alla seconda delle finali. Gioventù bruciata conquista pubblico e giuria e riesce a vincere l’edizione, insieme ad Einar Ortiz. Il successo ha consentito, dunque, ai due giovani di accedere alla categoria big del Festival, alla quale Mahmood parteciperà con il brano Soldi.

Leggi anche —> Sanremo 2019, in gara anche i Negrita: la carriera della band toscana