photo Instagram

La seconda giornata di Test MotoGP riservata ai collaudatori si è conclusa con il miglior tempo di Pol Espargarò. Tempi e classifica day-2: KTM stacanovista

Dopo il burn-in di ieri , questa seconda giornata del MotoGP ShakeDown a Sepang inizia con una grande notizia: l’assemblaggio inaspettato di transponder su quasi tutte le moto. Quindi, tenendo presente che il cronoemtro non è la principale preoccupazione degli uomini al lavoro sulla pista malese, il confronto è comunque possibile con riferimenti a questi ultimi dati: il record ufficiale del circuito è di 1’59.053 circuito segnato da Dani Pedrosa nel 2015.

Oggi in pista anche i piloti ufficiali dei team KTM, Pol Espargaro, Johann Zarco, Hafizh Syahrin e Miguel Oliviera, che hanno affiancato Mika Kallio, mentre per Aprilia ha girato soltanto il tester Bradley Smith, con Aleix Espargaró e Andrea Iannone che guideranno solo domani. Per Honda era al lavoro Stefan Bradl, Michele Pirro per Ducati, Sylvain Guintoli e Takuya Tsuada per Suzuki, così come Katsuyuki Nakasuga per Yamaha. La casa di iwata ha partecipato anche oggi con diverse Superbike in vista della preparazione per la 8 Ore di Suzuka.

Pol Espargarò ha chiuso la seconda giornata di test con un buon 2’00″812, seguito da Stefan Bradl in 2’00″924 e da Bradley Smith in 2’01″281, come riferito da Peter McLaren di Crash.net, uno dei pochissimi giornalisti ammessi nel paddock in questa tre giorni dello Shakedown. Quarto crono per Nakasuga che ferma le lancette in 2’01″368 davanti a Michele Pirro in 2’01″754 e Johann Zarco in 2’01″791. Ma da segnalare il gran numero di giri dei due piloti KTM factory; 60 per lo spagnolo, 67 per il francese.