Il raptus di una madre contro la figlia: arrestata grazie alla sorella della bimba – VIDEO

Bambina picchiata
(foto dal web)

Una bambina di 7 anni è stata picchiata con schiaffi e pugni dalla madre. La donna argentina è stata arrestata grazie alla sorella maggiore della piccola che ha filmato la scena con lo smartphone e ha pubblicato il video sui social.

Un video che mostra le immagini di un raptus violento. Schiaffi, pugni e urla di una madre di Cordoba (Argentina) nei confronti della povera figlia di 7 anni la cui unica colpa sembrerebbe essere stata quella di aver chiesto una tazza di tè. La scena è stata ripresa dalla figlia maggiore di 16 anni della donna che ha picchiato la piccola davanti anche alla terza figlia di 11 anni. Adesso la donna è stata arrestata dalla polizia argentina che le avrebbe revocato anche la custodia legale delle bambine.

Madre si scaglia contro la figlia di 7 anni: arrestata grazie alla sorella della piccola

Presa da un incontrollabile raptus una donna nella periferia di Cordoba, città dell’Argentina, ha aggredito in casa la figlia di 7 anni che le avrebbe chiesto di prepararle un tè. Alla seguente richiesta, secondo quanto riportato dalla stampa locale, la donna, Laura Galarza, avrebbe reagito male e mentre urlava ed imprecava si è scagliata contro la figlia dicendole: “Fattelo da sola il c***o di tè”. Pugni e schiaffi violenti contro la povera bambina che seduta su una sedia mentre piangeva è stata picchiata dalla stessa madre. Ad assistere incredule alla scena anche le altre due figlie della donna di 11 e 16 anni e quest’ultima ha ripreso tutto con il proprio smartphone. La donna, però, si accorge del cellulare e si scaglia anche contro l’altra figlia, che le aveva urlato di smetterla, minacciandola prima: “Lascia quel telefono o ti spacco la faccia” e poi sferrandole un calcio. Il video, come riportato dal quotidiano locale La Nacion e dal tabloid britannico Daily Mail, è stato successivamente pubblicato dalla stessa adolescente sul web ed è stato notato dalle autorità locali. La donna è stata tratta in arresto e le è stata revocata la custodia legale delle tre figlie, le quali adesso sono state affidate alla nonna paterna. Adesso la polizia argentina sta indagando per capire se la madre abbia picchiato in altre occasioni le bambine.