Mercedes Classe V, arriva il restyling

Mercedes Classe V AMG Lin

Mercedes Classe V, arriva il restyling

Alla casa della Stella la chiamano monovolume, ma forte dei suoi 514 cm di lunghezza, 193 di larghezza e 198 di altezza, la Mercedes Classe V forse non è tra i primi modelli che ci vengono in mente quando citano questo segmento. E probabilmente è qualcosa di più.

La Classe V è uno dei pochi modelli che non ha ceduto alla moda della “suv-izzazione” ora imperante e risponde ai desideri di una fetta di mercato precisa ed esigente, sebbene non rappresenti numeri da best-seller.

5 anni fa usciva sul mercato l’ultima versione ed oggi arriva il restyling di metà carriera di questo minivan di lusso, con prezzi che partono poco al di sotto dei 37.000 euro.

Per tutte le news sul mondo auto LEGGI QUI

Nuovo frontale più imponente

Il model year 2019 della Mercedes Classe V presenta tra le prime caratteristiche visibili un frontale con un nuovo paraurti che ne allarga l’impronta, così come fa la griglia del radiatore con struttura a rombi. Arriva anche l’allestimento AMG line per aggiungere un tocco più sportivo. Il restyling porta con sé anche quattro nuovi colori della vernice e quattro nuovi disegni per i cerchi in lega.

V 300 d: motorizzazione top di gamma

Due migliorie tecniche si segnalano si tutte a bordo della nuova Classe V per l’anno 2019. Sarà disponibile alla carta anche il propulsore a gasolio OM 654 nella versione da quattro cilindri in linea e 239 CV di potenza massima, che ne fanno un piccolo missile: coppia massima di 500 Nm, che fanno divincolare la V in ogni situazione con estrema disinvoltura e 0-100 km/h bruciato in 7,9 secondi, dato assolutamente di rilievo per un mezzo del genere. Sul lato del comfort di guida, invece, arriva per la prima volta il cambio automatico a nove rapporti 9G Tronic con tecnologia a convertitore di coppia, che pensiona il vecchio 7G Tronic.

Brake assist ed abbaglianti attivi

Dopo aver analizzato come la V del 2019 cambi esternamente e meccanicamente, non si poteva tralasciare un accenno quanto introdotto di nuovo in ambito sicurezza dal costruttore di Stoccarda. Tra questi spiccano Brake Assist attivo ed abbaglianti plus.

Il primo si basa su un sistema di sensori che è capace di rilevare un potenziale rischio di incidente con ostacoli o pedoli di fronte a noi: nel caso non ci sia alcuna reazione agli avvisi sia visivo che acustico, l’auto procede a frenare autonomamente cercando di evitare l’impatto o almeno di diminuirne la gravità.

Gli abbaglianti Plus invece consistono in un sistema di illuminazione intelligente che spegne automaticamente i proiettori quando rilevano la presenza di altri veicoli che sopraggiungono dalla direzione opposta e che potrebbero venire abbagliati. Gli altri settori della carreggiata continuano a restare illuminati dagli abbaglianti (abbaglianti parziali).

Daniele Mancin