Spara ai passanti dopo una lite: un morto e 5 feriti, poi si uccide

corsica spara passanti
Corsica, spara ai passanti e si uccide (websource/archivio)

Un uomo spara ad alcuni passanti in seguito ad una lite con i vicini. Il bollettino di questa follia è tragico, la vicenda si chiude in nottata.

Ieri sera appena prima della mezzanotte si è tolto la vita l’uomo che in Corsica aveva aperto il fuoco su alcuni passanti nelle ore precedenti. Si tratta di un 65enne, che sembra abbia agito così in seguito ad un raptus scatenato da una violenta lite di vicinato. Il maniaco aveva preso di mira degli sconosciuti, uccidendo una persona e ferendone altre 5. Il fatto è avvenuto a Bastia. Dopo l’accaduto, questi si era rintanato nel palazzo dove abitava, nel quartiere di Montesoro. Ed in particolare si era asserragliato in cantina imbracciando un fucile da caccia. Sul suo corpo le forze dell’ordine hanno ritrovato anche un taglierino. I feriti sono tre donne e due uomini, tra i quali un agente di polizia che era stato chiamato dai vicini dell’omicida. La vittima lavorava per un ufficio regionale agli alloggi. Sempre tra i feriti risulta esserci un giovane di 23 anni, ricoverato in prognosi riservata.

LEGGI ANCHE –> Bambino ucciso, “A scuola col cappello per nascondere i lividi”. E si poteva salvare

Spara ai passanti in Corsica, poi si uccide: aveva dei precedenti

Una delle persone che ha assistito all’aggressione racconta che quando ha visto il pazzo imbracciare il fucile, si è chiusa in casa assieme ad altre due vicine. “Poteva ammazzarci tutte, ha sparato contro la porta d’ingresso ed un proiettile ha raggiunto il frigo”. Le autorità sono riuscite a fare irruzione nel palazzo alle 19:30. Il pazzo si è quindi rintanato all’interno del suo appartamento. Poi, poco prima della mezzanotte, gli uomini dei reparti speciali del RAID hanno udito altri colpi di armi da fuoco. Era proprio il maniaco che si era appena tolto la vita. La sua identità era già nota alle autorità per dei reati compiuti in precedenza e che riguardavano violenze di vario genere.

LEGGI ANCHE –> Ossa in Nunziatura, scoperta la verità: “Sappiamo di chi sono”