Striscia la Notizia, tapiro d’oro a Morandi: colpa di Sanremo

Striscia la Notizia: tapiro d’oro a Gianni Morandi per colpa di Sanremo

Tapiro d’oro per Gianni Morandi. Tutta colpa del Festival di Sanremo. Valerio Staffelli, inviato di Striscia la Notizia, ha consegnato il famoso tapiro a Gianni Morandi che ha condotto il Festival per ben due anni. Nel 2011 e ne 2012, però, a differenza di Claudio Baglioni, Gianni Morandi ha ricoperto solo il ruolo di conduttore e non di direttore artistico. A chiedere spiegazioni a Morandi è stato lo stesso Staffelli alla luce del presunto conflitto d’interessi di Baglioni come direttore artistico di Sanremo 2019.

“Chiesi di non essere direttore artistico perché poteva esserci un problema a scegliere un cantante piuttosto che un altro” – spiega Morandi che ha poi aggiunto – ” Chiesi di non farlo perché avevo paura che potessero accusarmi un domani di aver messo dei miei amici”.

Claudio Baglioni: conflitto d’interessi a Sanremo 2019?

Su Claudio Baglioni e i Festival di Sanremo 2019 aleggia un presunto conflitto d’interessi. Il motivo? Secondo quanto affermato da Striscia la notizia, molti cantanti presenti al Festival, sarebbero legati alla società Friends & Partners di Warner Music Italy, amministrata da Ferdinando Salzano a cui è legato lo stesso Baglioni. Tra i cantanti in gara, clienti di F&P, si annoverano Paola Turci, Il Volo, Nek, Achille Lauro, Francesco Renga e Nino D’Angelo. Anche molti ospiti sarebbero legati alla suddetta società
Antonello Venditti, Elisa, Ligabue e Alessandra Amoroso.

La Rai, però, replica così: “L’esclusione di qualsiasi conflitto di interessi è una condizione imprescindibile per la Rai nella stipula di tutti i contratti di collaborazione. Un principio inserito – ovviamente – anche all’interno degli accordi presi con Baglioni, così come è avvenuto con i suoi predecessori. Nel contratto, viene spiegato che l’azienda rende atto delle dichiarazioni formulate da Baglioni sotto la propria responsabilità. Egli dichiara infatti di avere un contratto di natura editoriale con una etichetta discografica (Sony Music, ndr) ed uno con per la realizzazione di spettacoli musicali dal vivo, prodotti e commercializzati dalla F&P Group srl e dalla Friends & Partners spa”, si legge in un comunicato.

Sula questione ospiti, poi, la Rai precisa: ” F&P non cura il management di nessuno degli artisti presenti a Sanremo, ma soltanto gli eventi live di alcuni di loro. Peraltro il mercato musicale italiano è fortemente concentrato, con la stragrande maggioranza degli artisti gestiti da un ventaglio molto ristretto di società. Nonostante questo quasi 4 artisti in gara su 10 (il 37 per cento) sono prodotti da aziende indipendenti. A garantire poi la trasparenza e l’imparzialità delle scelte è la caratura artistica e professionale di Baglioni”.