bautista alvaro superbike sbk (1)
Alvaro Bautista (foto WorldSBK)

Superbike 2019, Jerez Test: tanto lavoro da fare in Ducati. Le parole di Bautista e Davies.

C’è tanto lavoro da fare in casa Ducati per essere al top e lo si sapeva. Essendoci una nuova moto come la Panigale V4 R da sviluppare, è normale che sia così.

Alvaro Bautista è all’esordio in Superbike e ha cercato di sfruttare al meglio i due giorni di test a Jerez. Ieri ha chiuso con il quarto miglior tempo, a 460 millesimi dal leader Jonathan Rea. Problemi invece per Chaz Davies, che mercoledì è caduto e ha avuto un dolore alla schiena che lo ha poi condizionato. Pochi giri giovedì per il gallese, solamente decimo. Il team Aruba Racing rimane fiducioso per il futuro, il potenziale per fare bene c’è.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di MotoGP, Superbike e F1 CLICCA QUI

Superbike, Jerez Test: i commenti di Bautista e Davies

Alvaro Bautista al sito ufficiale WorldSBK.com ha detto le proprie impressioni dopo i due giorni passati a Jerez. Queste le sue parole: «Mi aspettavo di avere un migliore feeling in queste due giornate rispetto al test di novembre. Mercoledì è stato un giorno difficile, non so se a causa del clima o della pista. Giovedì il tempo è stato migliore e sono migliorate anche le condizioni del tracciato. Abbiamo potuto lavorare meglio sulla moto. E’ migliorato il mio feeling, specialmente nella posizione sulla moto. Ducati ha lavorato durante l’inverno e mi ha dato alcune cose da provare qui. Abbiamo modificato la mia posizione in sella e inizio a sentirmi meglio. Inizio a guidare la moto come vorrei. E’ il primo step. Il prossimo sarà a Portimao, una nuova pista per me. Cercheremo di continuare questo lavoro anche lì».

Il pilota spagnolo sta lavorando per essere a proprio agio sulla Ducati Panigale V4 R. E’ importante trovare la migliore posizione di guida possibile. Sono stati fatti progressi a Jerez e ce ne saranno ulteriori a Portimao nei prossimi due giorni di test. Bautista viene da tanti anni di MotoGP e si sta calando con molta umiltà nella realtà della Superbike. Sa che non è facile vincere subito, soprattutto con una moto nuova che va sviluppata.

La situazione del compagno Chaz Davies è peggiore, visti i problemi fisici avuti. Intervistato ieri da Speedweek, aveva così spiegato le proprie condizioni: «Mercoledì sono caduto e non sembravano esserci conseguenze, ma poi si sono bloccati i muscoli della schiena. Se non stai attento, il problema può facilmente peggiorare. Giovedì mattina mi sono fatto controllare perché so di avere un pezzo di osso libero nella zona dolente. Ciò a causa dalla mia caduta a Misano 2017. Voglio sapere se questo causa problemi, anche se non nei ho mai avuti con la mia parte bassa della schiena. Voglio assicurarmi che l’osso non si muova. A Portimao ci sono tante cose da fare e provare. Serve pazienza per tornare in alto». Vedremo come starà il gallese in Portogallo il 27-28 gennaio per il prossimo test.

 

Matteo Bellan