Julen, nessun segno di vita ma si spera nel miracolo: il salvataggio live – VIDEO

julen salvataggio
Ultimi sforzi per arrivare a Julen, si spera nel buon esito del salvataggio

I minatori stanno lavorando senza sosta da ore per cercare di recuperare Julen nella sua terribile trappola nel terreno, il bimbo è vicinissimo.

Oggi è il giorno decisivo per il recupero di Julen. Per arrivare al bambino finito in un pozzo lo scorso 13 gennaio si è fatto di tutto, con squadre di operai e minatori specializzati che hanno scavato per quasi due settimane. Due giorni fa è stato ultimato un tunnel in verticale profondo oltre 60 metri, realizzato al terzo tentativo. Ed ora una equipe di 8 genieri dell’esercito spagnolo ha lavorato in maniera incessante per scavare un ulteriore passaggio in orizzontale necessario per arrivare nell’area sotterranea dove è stato localizzato Julen. Alla mattinata di venerdì risulta realizzato un metro e mezzo, a fronte dei circa 3,8 necessari per penetrare nella caverna dove si troverebbe il bambino di 2 anni. E la Spagna continua a vivere con ansia e preoccupazione questa vicenda. Purtroppo sono trascorsi quasi 14 giorni da quando il piccolo è finito nella sua trappola, e da allora si trova al freddo ed al buio, senza acqua e senza cibo.

LEGGI ANCHE –> Julen il bimbo nel pozzo, la fase finale è iniziata: minuti decisivi

Julen, lavoro incessante ma si va comunque a rilento

In pochi pensano che il miracolo di ritrovarlo in vita possa avvenire dopo tutto questo tempo e le terribili prove che hanno colpito il suo corpicino. Difatti non è mai stato rilevato alcun segno di vita da parte di Julen. E purtroppo, pur mettendoci tutto l’impegno possibile, i lavori per completare del tutto i necessari passaggi da attraversare vanno avanti a rilento. I genieri stanno faticando incessantemente a gruppi di due, in uno spazio strettissimo, con pochissima aria e luce ed alternandosi ogni mezzora. Ma in simili condizioni più veloci di così non si può. Ad impedire una maggiore celerità nelle operazioni ci si mette anche il terreno roccioso, estremamente duro e resistente ai colpi di piccone e di martello pneumatico.

LEGGI ANCHE –> Julen, i soccorsi lo hanno raggiunto: “Sono a 4 metri”