Julen, il bimbo nel pozzo: l’importante annuncio del portavoce

Julen pozzo padre
Jose Rosello, il padre di Julen, il bambino spagnolo precipitato nel pozzo domenica 13 gennaio (Getty Images)

Il portavoce della Guardia Civil di Malaga, Jorge Martin ha affermato che i minatori impegnati per salvare Julen, il bimbo caduto nel pozzo vicino Malaga, sarebbero a circa un metro e mezzo dal punto dove potrebbe trovarsi il piccolo.

Proseguono le operazioni di salvataggio per recuperare il piccolo Julen Rosello, il bambino precipitato in un pozzo di 110 metri non segnalato a Totalan, centro vicino Malaga in Spagna. Le operazioni, rese complicate dal diametro del pozzo (circa 25 centimetri) e dalle caratteristiche del terreno, potrebbero concludersi a breve, dato che secondo gli ultimi aggiornamenti i minatori che stanno lavorando notte e giorno sono molto vicini al punto dove dovrebbe trovarsi Julen. Nonostante le quasi due settimane trascorse dalla caduta del bambino, i genitori, rincuorati anche dal parere degli esperti, sperano che il loro figlio possa essere ancora in vita. Intanto il portavoce della Guardia Civil di Malaga, impegnata nei soccorsi, ha affermato che c’è grande speranza di poter ritrovare vivo Julen.

Julen, l’annuncio del portavoce della Guardia Civil

Sono ore decisive quelle che si apprestano a passare per i soccorritori e le squadre di minatori che stanno lavorando ininterrottamente al salvataggio di Julen, il bambino spagnolo precipitato in un pozzo molto profondo (110 metri di profondità e 25 centimetri di diametro). Il piccolo Julen Rosello di due anni è caduto nel pozzo artesiano a Totalan (Malaga) domenica 13 gennaio e da 13 giorni le squadre stanno lavorando per poterlo riportare in superficie ancora in vita. Secondo gli ultimi aggiornamenti che arrivano dalla Spagna i minatori impegnati nelle operazioni sarebbero vicinissimi al punto dove potrebbe trovarsi Julen. Un terribile dramma quello che stanno vivendo i genitori del bambino e che sta tenendo tutti con il fiato sospeso, speranzosi di ricevere buone notizie. Intanto, secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo La Vanguardia, il portavoce della Guardia Civil di Malaga, Jorge Martin ha dichiarato che c’è molta speranza di ritrovare Julen vivo e le operazioni di salvataggio procedono. A dettare il ritmo di quest’ultime, secondo quanto affermato da Martin, sarebbe la montagna stessa che possiede delle caratteristiche particolari. Infine il portavoce ha affermato che le squadre sarebbero a circa un metro e mezzo dal punto dove potrebbe essere il bambino e sono state utilizzate tre micro cariche di esplosivo che potrebbero ritardare le operazioni di un paio d’ore.