Jorge Lorenzo
photo Twitter

MotoGP, infortunio di Jorge Lorenzo: il mistero continua…

Non poteva iniziare peggio la stagione per Jorge Lorenzo, stamane a Barcellona per operarsi allo scafoide della mano sinistra, la stessa mano operata pochi mesi fa in seguito all’incidente in Thailandia. Mercoledì è atteso a Madrid per la presentazione del team Repsol Honda, ma resta in dubbio la sua presenza in pista nei test di Sepang dal 6 all’8 febbraio. (Per restare aggiornato sui test di Sepang LEGGI QUI)

Resta il mistero su come si sia infortunato Jorge Lorenzo. Inizialmente si è presentato al pronto soccorso della clinica Pederzoli di Peschiera del Garda accompagnato da un uomo e una donna che hanno mantenuto il massimo riserbo. Poche ore dopo è trapelata la notizia che il pilota maiorchino si fosse infortunato durante un allenamento in dirt track, una forma si allenamento che solitamente Lorenzo non predilige, al contrario del compagno di squadra Marc Marquez. Ma arriviamo al secondo mistero: su quale pista si stava allenando Jorge Lorenzo? Come riferito da ‘La Gazzetta dello Sport’ in provincia di Verona ci sono la pista di Lonigo, al momento chiusa, “e quella di Badia Calavena, dove garantiscono di non averlo visto. Lo stesso vale per i circuiti di cross di Castiglione delle Stiviere e di Medole, nel Mantovano. Nel Bresciano pare che gli amanti del dirt track di esibiscano in una cava detta della Pirossina, vicino a Montichiari, ma non è una pista ufficiale”.

L’unica triste certezza è che il pilota Honda stamane finirà sotto i ferri alla alla clinica Universitaria Dexeus di Barcellona, dove sarà Xavier Mir, traumatologo di fiducia della MotoGP ad operarlo. Nel polso del neo pilota della Honda sarà inserita una piccola placca di metallo. Si tratta di un’operazione di lieve entità, per cui è probabile che Lorenzo possa rispettare i tempi previsti dal suo avvicinamento alla stagione. Solitamente vengono richieste 4 o 5 settimane per recuperare, ma trattandosi dello stesso polso operato prima del GP d’Australia potrebbe richiedere più tempo.