F1| Arriva la conferma: Mick Schumacher alla Ferrari

La notizia aveva cominciato a circolare sui media di mezzo mondo, ma soprattutto italiani, nel corso della settimana, e ora è stata ufficializzata. Mick Schumacher ha firmato per la Ferrari Driver Academy e potrà guidare la Rossa in due occasioni: nei test stagionali in Bahrain e in Spagna.

Sono felicissimo di avere raggiunto questo accordo e del fatto che il mio prossimo futuro nelle competizioni automobilistiche sia in rosso”, le parole del figlio del 7 volte iridato. “Questo è un altro passo nella giusta direzione e potrò solo beneficiare dell’immensa competenza che c’è lì. Sicuramente darò il massimo per poter apprendere tutto ciò che mi può aiutare a raggiungere il mio sogno, ossia correre in F1. E’ più che ovvio che il Cavallino abbia un posto enorme nel mio cuore fin da quando sono nato. Sono felice anche a livello personale per questa opportunità e vorrei ringraziare la mia famiglia, gli amici e i partner che mi hanno supportato e aiutato ad arrivare afino a qui”.

Per chi come me lo ha visto nascere ha sicuramente un significato emotivo particolare accogliere Mick in Ferrari“, il commento del neo team principal Mattia Binotto. “In ogni caso, lo abbiamo scelto per il suo talento e per le qualità umane e professionali che ha messo già in mostra malgrado la sua giovane età”.

Con questa mossa, possiamo dire, che è iniziata una nuova era per la Rossa. Nuovo Presidente, un boss della squadra corse inedito e un nome altisonante come driver di riferimento per i test. Ma in particolare l’ingaggio del campione 2018 della F3 europea rappresenta una sorta di memento per Sebastian Vettel che, molto probabilmente, se nel 2019 non porterà a segno il compito a cui è stato chiamato al momento del suo ingresso a Maranello, verrà messo alla porta per favorire proprio un formazione esplosiva come Mick Schumacher e Charles Leclerc.

Chiara Rainis