Un giallo molto intricato arriva da Brescia in serata. Un mistero ricco  di incognite.

Dalle prime informazioni il cadavere sarebbe da ricondurre a una donna di età compresa tra i 20 e i 40 anni, bianca, alta meno di un metro e settanta.

Il corpo senza vita della donna sarebbe stato bruciato dopo la sua morte . Nelle dita di una mano aveva due anelli. Sarà l’autopsia ora a dare più indicazioni sul decesso di questa donna.

Ora i carabinieri sono concentrati su tutte le donne scomparse nella zona nelle ultime settimane. A notare il cadavere, che è stato un uomo di 50 anni. Questa persona, che era uscito per le campagne in mountain bike. L’uomo lo ha notato mentre percorreva una strada tra i vigneti di via Lovera a Erbusco e ha subito fatto scattare l’Sos. L’arrivo degli inquirenti a Erbusco è stato lesto. Sul posto anche il medico legale e gli esperti della scientifica.