Dopo il Vietnam, la Finlandia nuova meta della F1?

(©Getty Images)

F1 | Dopo il Vietnam, presto la Finlandia nuova meta del Circus?

La F1 potrebbe finalmente sbarcare nel Paese che ha dato i natali a Kimi Raikkonen e Valtteri Bottas. A quanto pare di recente sarebbe stato dato l’avvio ad un’analisi per definire se il circuito che verrà utilizzato per la MotoGP possa essere adatto anche per una corsa automobilistica.

Dovesse essere messa davvero in pratica la cosa, sarebbe del tutto comprensibile visto che la Finlandia possiede una storia gloriosa nel motorismo, vantando ben 4 campioni del mondo e 50 successi di gara.

Per questo, secondo le indiscrezioni riportate da Motorsport.com la AKK, ossia la Federazione Nazionale, si sarebbe direttamente interessata della valutazione dello stesso KymiRing, su cui debutterà la MotoGP nel 2020, e avrebbe già avviato la richiesta di finanziamenti al Ministero dell’Educazione e della Cultura.

La Finlandia ha una tradizione eccellente ed unica negli sport a motore“, ha dichiarato il CEO della AKK Tatu Lehmuskallio. Non solo i piloti di F1 e di WRC hanno raccolto più punti nelle stagioni recenti che quelli di qualsiasi altra nazione, ma abbiamo anche esperienza a livello internazionale per quanto riguarda l’ospitare eventi di motorsport moderni, sostenibili e soprattutto elettrizzanti per i tifosi ed i partecipanti“.

Grazie a questo studio potremo capire nel dettaglio di cosa necessita la massima serie e come muoverci per l’organizzazione“, ha sottolineato.

Il tracciato che l’anno venturo vedrà protagoniste le moto, è lungo da 4,5 km e dovrebbe essere ultimato il prossimo giugno, quando molto probabilmente riceverà l’omologazione anche da parte della FIA trattandosi di una struttura di nuova costruzione.

Il Circus manca da un Paese nordico da oltre 40 anni, quando tra il 1973 e il 1978 la pista di Anderstorp aveva ospitato il GP di Svezia. Di recente sulla scia della presenza in griglia di Kevin Magnussen, si era pure parlato di un round in Danimarca, ma poi il progetto è stato archiviato.

Chiara Rainis