Dani Pedrosa: “Honda non mi vedeva adatto a fare il tester”

Lo spagnolo parla della sua precedente squadra

0
197
Dani Pedrosa (Getty Images)

MotoGP | Dani Pedrosa: “Honda non mi vedeva adatto a fare il tester”

Dani Pedrosa dopo anni di Motomondiale ha deciso di appendere il casco al chiodo prematuramente. Lo spagnolo dopo i tanti infortuni ha deciso di smettere, anche probabilmente per una passione che non era più accesa come i primi anni. Dopo aver salutato HRC però ha comunque trovato posto come tester in KTM. Purtroppo però il rider iberico è stato colpito da un nuovo infortunio proprio questo inverno.

Come riportato da “Mundo Deportivo”, Dani Pedrosa ha così commentato il suo addio dalla MotoGP: “Devi sempre essere al 100% fisicamente per combattere contro gli avversari in pista. Il rischio di lesioni però non è stato il motivo per il quale ho deciso di mollare. Il desiderio di competere è sempre più alto dei problemi fisici che puoi avere”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Dani Pedrosa CLICCA QUI

Nessuna polemica con Puig

Il rider spagnolo ha poi continuato: “Proprio quel desiderio mi ha sempre aiutato a superare tutti i problemi fisici, ma non mi sono fermato perché ho avuto un infortunio, sono sempre riuscito a gareggiare nonostante i problemi. KTM mi ha fatto una buona proposta, mentre il presidente HRC mi ha detto che non credeva avessi il fisico adatto per indicare la direzione giusta da seguire per il team in base ai piloti attuali”.

Infine Dani Pedrosa ha così concluso: “Disse che Marquez e Lorenzo erano più grandi di me e che Bradl quindi era più adatto. Puig nella mia carriera è stato molto importante, non lo negherò mai. Lo sanno tutti e non l’ho mai nascosto. Dopo quanto accaduto quest’anno però è un capitolo chiuso e non voglio alimentare nessuna inutile polemica”.

Antonio Russo