Bambino nel pozzo, corsa contro il tempo: trovati i suoi capelli – FOTO

bambino pozzo spagna julen
Corsa contro il tempo per salvare Julen, il bambino caduto in un pozzo domenica in Spagna

La vicenda del piccolo Julen sta tenendo l’intera Spagna in ansia: il bambino caduto in un pozzo domenica è ancora intrappolato lì dentro.

La vicenda del piccolo Julen continua a tenere la Spagna col fiato sospeso. Il bambino, 2 anni, è caduto all’interno di un pozzo nei pressi di Malaga domenica scorsa. Da allora i soccorritori stanno facendo di tutto per raggiungerlo e portarlo in salvo. Il piccino è finito nella cavità adibita a suo tempo per l’estrazione di acqua. La presenza di queste strutture è tra le più elevate dell’intera Spagna dal momento che si tratta di una area spesso soggetta ad episodi di siccità. Il tutto è accaduto per la precisione nel piccolo centro di Totalan. In diverse fattorie del posto i pozzi sono anche abusivi e sono stati realizzati proprio per avere una quantità di acqua che i normali canali non possono garantire. Purtroppo non si conosce ancora lo stato di salute di Julen. Un primo tentativo di recuperarlo è fallito, i soccorritori devono calarsi per ben 113 metri in profondità da un buco largo neppure mezzo metro.

LEGGI ANCHE –> Era sopravvissuto all’11 settembre, è morto in un altro attentato

Julen, i soccorritori trovano i suoi capelli

La squadra di soccorso è composta da alcuni minatori specializzati nel muoversi in spazi stretti sotterranei. Arrivano da Hunosa, nella regione nord-occidentale delle Asturie, accompagnati dall’esercito. Intanto la madre ed il padre del bambino caduto nel pozzo non accennano ad allontanarsi da lì e sperano sempre di poter riabbracciare il loro figlioletto. Si tratta del padre Josè e della madre Vicky, i quali da domenica dormono all’interno di una tenda di fortuna. I residenti di Totalan stanno fornendo loro aiuti di ogni genere, intanto la storia di Julen è diventata virale su Fcebook e sugli altri social network. I soccorritori hanno trovato i capelli del bambino e si stanno dando da fare per far si che il trascorrere del tempo non porti all’ineluttabile. Ci si era accorti del dramma dopo che i familiari avevano intuito dei flebili lamenti provenire dal pozzo. Si è iniziato a scavare anche un tunnel orizzontalmente che si spera possa portare a dove si trova Julen. E ci si è serviti anche di una telecamera. Il cunicolo è troppo stretto per permettere a degli adulti di inerpicarsi al suo interno. Con il congegno sono stati avvistati un pacchetto di caramelle ed i capelli di Julen. Ma non c’è lui. I capelli sono stati anche recuperati attraverso dell’attrezzatura, e sottoposti immediatamente a test del dna che ha confermato che si tratta del piccolo.

LEGGI ANCHE –> Meningite, due casi mortali in pochi giorni: vittime giovanissime