MotoGP, Tech3 si è già pentito di aver lasciato Yamaha?

photo Twitter

MotoGP, Tech3 si è già pentito di aver lasciato Yamaha?

Dopo aver festeggiato il sesto posto nel campionato MotoGP, tre podi e due pole position con Johann Zarco durante la sua ultima stagione con Yamaha, Tech3 è scivolato in coda ai pronostici con il passaggio a KTM. Hafizh Syahrin e il rookie Miguel Oliveira, arrivando al posto di Zarco dopo il passaggio del francese alla squadra KTM ufficiale, sono stati i più lenti durante i test post-stagionali a Valencia e Jerez.

Per tutte le news sui test IRTA LEGGI QUI

Sono in molti a chiedersi se non si sono già pentiti della scelta di lasciare Yamaha, ma Herve Poncharal parla di una nuova sfida. “Un sacco di ragazzi nei media, ma anche quelli che ci seguono in genere ci stavano chiedendo – anche a Valencia dopo solo due giorni con un tempo di pista limitato a causa del tempo – ‘Sei deluso? Ti penti della tua scelta? Alcuni sorridevano, ridevano, dicevano ‘buona fortuna amico mio’. Cose del genere. Ma è solo l’inizio – ha detto a Crash.net -, dobbiamo capire un sacco di cose, quindi dobbiamo mantenere la calma, lavorare sodo, rispettare tutti i nostri partner e cercare di offrire ciò che si aspettano da noi… Al momento, non possiamo giocare al tempo sul giro, potrebbe sembrare noioso, ma dobbiamo lavorare”.

Questo non vuol dire che Poncharal stesso non abbia fatto molta ricerca interiore prima di decidere di separarsi da Yamaha. “Questa è stata una decisione a cui stavo pensando parecchio. Non concludi una partnership come quella che abbiamo avuto con Yamaha, che è durata 20 anni, senza pensare, è un errore? È la decisione giusta? Ma quello che ho trovato con i nostri nuovi partner è stato molto eccitante e, dopo solo i primi giorni insieme, è esattamente quello che pensavo sarebbe stato.

Serve il massimo impegno di tutti per contribuire alla crescita di un progetto in cui bisogna credere fedelmente, consapevoli che i risultati non potranno arrivare a breve termine: “Siamo felici, abbiamo molti nuovi volti nel nostro box, KTM ha anche impiegato un sacco di nuove figure per impostare questa nuova operazione satellite MotoGP. Ci sono persone provenienti da vari altri produttori, ad esempio da Ducati – ha concluso Poncharal -. È un processo che spero non sarà troppo lungo, ma abbiamo molto lavoro davanti a noi.”