Gerry Scotti e la sua confessione: il dramma subito da ragazzo

Gerry Scotti
Gerry Scotti (foto dal web)

Gerry Scotti si racconta in una lunga intervista a ‘Chi’ e svela il dramma e le discriminazioni subite da ragazzo, ai tempi della scuola

Siamo abituati a pensare a Gerry Scotti come a un personaggio di grande successo. Tale è diventato, con le sue conduzioni televisive nel corso degli anni, di popolari show e quiz, come Chi vuol essere Milionario?, alle redini del quale è tornato di recente. Ma non è sempre stato così. Il presentatore si è messo a nudo nel corso di una lunga intervista rilasciata a ‘Chi’, il settimanale di gossip di Alfonso Signorini. Svelando lati di sé poco conosciuti al grande pubblico e raccontando un vissuto piuttosto sofferto.

Da ragazzo, Scotti, per scelta della madre, frequentava un istituto in cui c’erano soltanto ragazzi provenienti dalla media e alta borghesia. Lì, i suoi coetanei lo discriminavano e lo prendevano di mira a causa del lavoro del padre, che era un semplice operaio. Al punto che alla madre di Scotti fu poi chiesto come mai Gerry frequentasse quella scuola e non un istituto professionale, ritenuto più consono alla sua estrazione sociale. Il giovane Gerry si è rifatto con gli interessi, riuscendo a diplomarsi, e, soprattutto, trasformandosi in un vero e proprio Don Giovanni, cambiando donne in continuazione. In seguito, ha poi messo la testa a posto, conoscendo e sposando Patrizia Grosso, che è stata sua moglie per tanti anni, prima di divorziare e trovare, tempo dopo, una nuova compagna.