F1, John Elkann: “Abbiamo scelto Binotto per rafforzare il team”

John Helkann
Getty Images

Formula 1, John Elkann: “Binotto team principal per rafforzare il team”

Dopo la svolta in casa Ferrari con l’addio di Maurizio Arrivabene e l’innesto di Mattia Binotto a team principal, il primo a commentare la decisione non poteva che essere John Elkann. Ieri, ai margini del Salone di Detroit, il nipote dell’Avvocato ha rotto il silenzio, motivando così il cambio di rotta: “C’era la necessità di rafforzare la struttura organizzativa del team con una figura dalle competenze tecniche fuori discussione”.

John Elkann si sta occupando direttamente di Ferrari da pochi mesi e in un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’ non esclude altre novità. Potrebbe trattarsi dell’arrivo di Mick Schumacher nella Ferrari Driver Academy e, probabilmente, a bordo della monoposto F1 in occasione di un test in Bahrain o al Montmelò. Nessun commento sul possibile ritorno di Stefano Domenicali, attuale presidente e a.d. di Lamborghini, come circolato nei giorni scorsi.

Per tutte le news sul mondo Ferrari LEGGI QUI

John Elkann è il primo esponente della famiglia Agnelli a presiedere la Ferrari e ha sempre evidenziato lo storico rapporto tra la sua famiglia e il fondatore: “Abbiamo avuto il privilegio di contribuire per 50 dei 70 e oltre anni di storia della Ferrari. Quando, il 18 giugno 1969, Enzo Ferrari incontrò mio nonno a Torino per suggellare questa partnership unica, si venne a creare un rapporto speciale”.