Bimbo nel pozzo, il dolore del padre del piccolo

Bimbo nel pozzo, il dolore del padre del piccolo

In Spagna sta andando avanti la corsa contro il tempo per cercare di salvare Yulen, il bambino di appena due anni e mezzo che, domenica 13 gennaio, è precipitato in un profondo pozzo di 110 metri e largo 25 centimetri. Una vera e propria tragedia mentre il piccolo stava giocando nella proprietà di un fa miliare nella Sierra di Totalan, vicino a Malaga. Sono 40 ore che le ricerche stanno proseguendo senza freni e le condizioni del bambino, secondo alcune testimonianze, le condizioni del piccolo non sono affatto rassicuranti. Delle persone hanno rivelato che all’inizio si sentiva un pianto flebile che poi è cessato.

Grandissimo dolore per i genitori del piccolo, che già nel 2017 hanno perso un bambino di tre anni. Stanno partecipando attivamente alle ricerche e il padre ha introdotto una polemica. “Molti tweet di sostegno ma nessun mezzo per il salvataggio. Lei sa cosa significa un’attesa di 30 ore aspettando che tirino fuori tuo figlio? Lei può credere che stamattina si è saputo che sarebbe venuto un camion da Cadice per rimuovere la terra e che hanno aspettato che arrivasse per spianare la strada?” ha detto José Rocio, il padre del piccolo su Telecinco.