Aveva trascorso il Natale in famiglia, poi la morte di cancro rarissimo

Luca Cardillo si è dovuto arrendere al cancro. Al male peggiore.

Il giovane ragazzo siciliano aveva soltanto 24 anni e non doveva morire cosi. Lui ha avuto la sfortuna di essere colpito da un tumore osseo alla gamba destra. Una storia davvera assurda che aveva fatto piangere l’Italia intera.

Luca Cardillo era originario di Giarre, e ci aveva provato a lottare volando due mesi fa negli Stati Uniti come estremo tentativo per provare  a vivere anche  grazie anche ad una raccolta fondi online, ma purtroppo non ha resistito al maligno

Le sue condizioni sono peggiorate e questa mattina alle sette si è spento a casa sua, con la sua famiglia. Con mamma, papà e la sorella.

Un ultimo Natale trascorso in famiglia con la consapevolezza dentro di se che non ce l’avrebbe mai fatta. I dottori, gli avevano dato due mesi di vita: lui non lo sapeva, aveva preferito non sapere. Voleva vivere a lungo, aveva tante speranze. Ha resistito solo per la sua grande forza, ci ripetono i familiari. I funerali si celebreranno domani pomeriggio, 15 gennaio, alle ore 15, al Duomo di Giarre.

 

Purtroppo l’estremo tentativo dell’amputazione sarebbe stata troppo rischiosa per il suo fisico molto provato. Il cancro è avanzato in maniera progressiva e  suo quadro clinico è peggiorato in maniera ulteriore. la situazione è precipitata quando c’è stato il versamento pleurico, la tachicardia e la polmonite. Un quadro clinico che è andato a peggiorare con metastasi e un male che non lo lasciava mai. Lui ha sempre affrontato tutto con il sorriso dulle labbra ricorda fan page:

“Spero di rispondere bene alle cure chemioterapiche e che tutto andrà bene Continuo a ringraziarvi per il sostegno economico e morale che mi state dando”.