Hervé Poncharal (Getty Images)

MotoGP | Hervé Poncharal: “Ducati dimostra che i giapponesi si possono battere”

Hervé Poncharal sta per vivere uno dei capitoli più emozionanti della sua intera carriera. Il manager francese, infatti, dopo un ventennio passato in Yamaha ha deciso di cambiare aria. Ad accoglierlo ci ha pensato la KTM. Il costruttore austriaco, infatti, è molto ambizioso per il futuro e vuole cercare di creare una squadra capace di lottare per il titolo.

Con i test privati ridotti all’osso, infatti, avere a disposizione un team clienti con così tanta esperienza diventa fondamentale. A fare scuola in tal senso ci ha pensato la Ducati che ha dotato la Pramac di una moto ufficiale così da aiutare lo sviluppo della squadra ufficiale.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti sulla KTM CLICCA QUI

Il francese vuole vincere la scommessa

Come riportato da “Motorsport-Total.com”, Hervé Poncharal ha così parlato dell’argomento: “Con Honda ho lavorato per circa 10 anni, poi sono stato un paio di anni con Suzuki e infine quasi 20 anni con la Yamaha. Sono passati tanti anni, alcuni matrimoni durano meno della nostra collaborazione”.

Il manager francese ha poi proseguito: “Questa novità è davvero eccitante, sarei potuto restare in Yamaha, tanta gente mi ha dato del pazzo e mi chiedono perché l’abbia fatto. Io ho la stessa motivazione che avevo due anni fa quando volevo dimostrare che non eravamo pazzi ad ingaggiare Folger e Zarco. Naturalmente non dico che sarà semplice, ovviamente ci saranno dei momenti complicati”.

Infine Hervé Poncharal ha così concluso: “Dieci anni fa nessuno avrebbe mai creduto che la Ducati sarebbe poi diventata la moto più forte, perché pensavamo sempre che i giapponesi fossero i migliori. Ma hanno dimostrato che, invece, è possibile. Non importa se si proviene dall’Asia o dall’Europa, bisogna prendere decisioni sagge e investire tempo, amore e sogni”.

Antonio Russo