festival di sanremo 2019
Claudio Baglioni (foto dal web)

Nella conferenza stampa di presentazione della nuova edizione di Sanremo, il conduttore e direttore artistico Claudio Baglioni ha parlato anche di attualità e della situazione migranti.

Sanremo 2019 si avvicina ed oggi è si è tenuta la conferenza stampa di rito al Casinò della famosa città per presentare l’edizione numero 69 del festival della canzone italiana. A presentare questa edizione sarà nuovamente Claudio Baglioni, nominato come l’anno scorso anche direttore artistico, che sarà affiancato da Virginia Raffaele e Claudio Bisio. Al Casinò della città dei fiori, per l’occasione allestito con centinaia di rose, erano presenti i protagonisti della nuova edizione ed il direttivo Rai, la quale come di consueto, trasmetterà in esclusiva l’evento che si svolgerà dal 5 al 9 febbraio.

Sanremo 2019: la conferenza stampa della kermesse

I nastri di partenza della 69esima edizione del Festival della canzone italiana che si svolge come ogni anno a Sanremo si avvicinano. La kermesse aprirà i battenti martedì 5 febbraio e si chiuderà sabato 9 febbraio con la finale durante la quale sarà proclamato il vincitore. Oggi a meno di un mese dall’inizio del festival si è tenuta la consueta conferenza stampa di presentazione dell’edizione, a cui hanno preso parte molti dei protagonisti. L’appuntamento con giornalisti e fotografi ha sancito anche l’ufficialità sulla conduzione di Sanremo 2019 che sarà affidata per il secondo anno consecutivo a Claudio Baglioni, nominato nuovamente anche direttore artistico. Quest’anno ad affiancare il cantautore romano ci sarà una coppia di comici, Virginia Raffaele e Claudio Bisio che proveranno a conquistare il palco ed il pubblico dell’Ariston. Nel corso della conferenza quando la parola è passata a Claudio Baglioni, il cantante ha iniziato parlando del festival: “Per me Sanremo non è mai stato solo una trasmissione trasmessa in televisione, ma una bandiera della tv e per questo motivo deve avere assumere un carattere di sorpresa e straordinarietà“. Baglioni ha poi proseguito parlando della prossima edizione: “Stiamo valutando le performance e gli ospiti da invitare durante le cinque serate, ma ci saranno almeno due cantanti a serata. Per quanto riguarda i comici, avendo già al mio fianco Claudio Bisio e Virginia Raffaele non vorrei che si arrabbiassero“.

Baglioni e la situazione migranti: “Non si può pensare di risolvere così la situazione”

Baglioni non ha limitato le sue dichiarazioni al festival di Sanremo, ma si è concentrato anche sull’attualità e sulla situazione del nostro paese: “L’Italia è un paese disarmonico e confuso, cieco nella direzione che va presa. La classe politica, quella dirigente e l’opinione pubblica hanno mancato paurosamente. Siamo un Paese incattivito, rancoroso che guarda con sospetto anche la nostra ombra, e questo è un disastro prima di tutto intellettuale. È questa la ragione per cui ci attacchiamo a un’idea di leggerezza, di divertimento“. Quando l’argomento si sposta sulla situazione migranti, che in questi giorni sta spaccando l’opinione pubblica e la classe politica, nello specifico in merito alle due imbarcazioni Sea Watch e Sea Eye, Baglioni sembra avere le idee chiare: “Non si possono evitare gli sbarchi così, siamo alla farsa. Se la questione non fosse così drammatica ci sarebbe da ridere, non si può pensare di risolvere la situazione evitando lo sbarco di poche persone, li prendo io o li prendi tu. Non credo che un dirigente politico oggi abbia la capacità di risolvere la questione, ma serve quello di dire la verità, siamo di fronte a un grande problema e dobbiamo impegnarci tutti per risolverlo. Quest’anno ricorre il trentesimo anniversario della caduta del muro di Berlino, c’è stato un momento in cui il mondo ha pensato di poter essere felice, insieme, qui invece stiamo ricostruendo i muri, o forse non li abbiamo mai abbattuti”.

Baglioni: “Portare l’armonia sul palco dell’Ariston”

Claudio Baglioni, dopo le dichiarazioni sull’attualità del nostro paese, è tornato alla prossima edizione del Festival: “La stella Polare del Festival è la canzone. Adesso La squadra si è ricompattata dopo i risultati della passata edizione, durante la quale abbiamo cercato di costruire intorno al concorso musicale  un sistema spettacolare. Il numero 69, numero della prossima edizione, ha richiamato alla mia mente un’idea di sincronismo, di simmetria e per questo ho pensato che se l’anno scorso sul palco abbiamo portato immaginazione, quest’anno dovremmo portare armonia”.

Leggi anche —> Sanremo 2019 Baglioni sotto accusa, Pierdavide Carone dichiara: “È razzista”