Pirata della strada uccide clochard: commovente gesto di una donna

Polizia Locale
Polizia Locale (Getty Images)

Stamane un clochard di 73 anni è stato travolto ed ucciso da un pirata della strada. La sua fedele compagna di viaggio a quattro zampe è stata adottata da una donna di Roma.

Una tragedia ha sconvolto oggi una zona nel centro di Roma. Un clochard molto conosciuto che viveva per strada con il suo amato cane è stato travolto nella notte da un pirata della strada. Dopo l’impatto il conducente dell’autovettura che ha investito e ucciso l’uomo di 73 anni è fuggito senza prestare soccorso, lasciandolo sull’asfalto. Nell’incidente, l’amica a quattro zampe del senzatetto è rimasta illesa e dopo poche ore dalla tragedia, è stata adottata da una donna della Capitale.

Clochard travolto da un pirata della strada: una donna adotta il suo cane

Nel quartiere Pinciano di Roma, alle prime luci dell’alba di stamane un clochard è stato travolto da un pirata della strada. La vittima è Nereo Gino Murari conosciuto semplicemente come “Nereo”,  un senzatetto di 73 anni molto ben voluto da tutti i commercianti ed i residenti della zona. L’incidente è avvenuto intorno alle 5:00 di stamane, in Corso Italia quando, secondo le prime ricostruzioni effettuate dagli inquirenti, Nereo stava attraversando lontano dalle strisce pedonali ed un’autovettura l’ha travolto senza prestare successivamente soccorso. Il clochard, originario del Veneto, era sempre accompagnato dalla sua amica a quattro zampe Lilla, rimasta illesa nell’incidente. La cagnetta è rimasta a vegliare il cadavere del povero padrone sino all’arrivo sul luogo della tragedia dei soccorsi, i quali non hanno potuto far nulla per salvare la vita al clochard deceduto sul colpo. Lilla è stata affidata ai veterinari del Servizio Comunale che l’hanno portata al canile, dove, poche ore dopo, è stata adottata da Cristiana Innocenzi, una donna romana che conosceva la vittima. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti gli agenti della Polizia Locale di Roma che adesso stanno indagando sull’incidente e cercando di rintracciare il responsabile. Al vaglio degli agenti sono adesso le telecamere di sorveglianza poste nei pressi del luogo dove è avvenuto il tragico incidente. Numerosi i messaggi lasciati dai conoscenti di Nereo vicino alle sue cose rimaste sulla strada dove era solito sedersi insieme al suo cane. Poche settimane fa, la storia di un altro clochard, ucciso a Palermo, aveva commosso l’Italia intera.

Leggi anche —> Omicidio cloachard “Aldo”, l’assassino confessa: “Ucciso per…”