Il folle gesto di un automobilista: panico al casello autostradale

Casello autostradale
Casello autostradale (foto dal web)

Un automobilista, andato in escandescenza per la mancata restituzione del proprio bancomat da parte dell’apparecchio elettronico, ha impugnato una motosega minacciando il casellante e danneggiando la biglietteria, dentro la quale quest’ultimo si trovava in servizio.

Ha dell’incredibile quanto accaduto sull’autostrada A24, all’altezza di L’Aquila ovest. Un uomo, dopo aver provato a pagare il pedaggio autostradale ha aggredito con una motosega il casellante in servizio all’interno del gabbiotto. A mandare in escandescenza l’automobilista 55enne sarebbe stata la mancata restituzione del bancomat da parte dell’apparecchio elettronico apposito per il pagamento. L’aggressore è stato immediatamente rintracciato e bloccato dalla Polizia Autostradale giunta sul posto dell’accaduto.

Folle gesto sull’autostrada A24: automobilista scatena il panico con una motosega

Secondo quanto riportato dalla stampa locale, un 55enne di Campotosto, un piccolo comune in provincia dell’Aquila, ha aggredito e minacciato un casellante in servizio sull’autostrada A24 all’altezza del capoluogo abruzzese. L’uomo, mentre stava pagando il pedaggio con il proprio bancomat, avrebbe reagito male alla mancata restituzione della carta da parte dell’apparecchio elettronico apposito (pos). Il 55enne invece di chiedere assistenza al personale del luogo per il malfunzionamento della colonnina, ha aperto il bagagliaio della propria auto e ha tirato fuori una motosega, scatenando il panico tra i presenti. Secondo la ricostruzione effettuata dagli investigatori attraverso anche le testimonianze, l’uomo con l’arnese acceso avrebbe prima minacciato e litigato con il casellante all’interno del gabbiotto e poi si sarebbe scagliato contro la biglietteria danneggiandola. Complice del folle gesto potrebbe essere stato l’alcool che l’uomo avrebbe assunto prima di mettersi alla guida della propria auto. Il casellante, impaurito dall’ira dell’uomo, è fuggito riuscendo a contattare le forze dell’ordine, le quali sono subito giunte sul posto. Gli agenti della Polizia autostradale, diretti dal sostituto commissario Alberto Ravanetti, hanno fermato l’uomo poco dopo, portandolo presso gli uffici per l’identificazione. L’uomo, a cui sono stati sequestrate l’automobile e la sega elettrica e ritirata la patente di guida, adesso si troverebbe agli arresti domiciliari. Il 55enne autore del gesto, di cui non si conoscono le generalità, adesso potrebbe essere denunciato per minacce e danneggiamenti ed oggi dovrà comparire davanti al giudice per l’eventuale convalida dell’arresto.