MotoGP, Vinales: “Non servivano le tensioni con Forcada”

Ramon Forcada e Maverick Vinales
Ramon Forcada e Maverick Vinales (©Getty Images)

MotoGP, Vinales torna a parlare della separazione da Forcada.

Maverick Vinales ha deciso di voltare pagina per il 2019. Vuole lasciarsi alle spalle le cose negative della scorsa stagione e gettarsi con positività in quella nuova.

Un Vinales 2.0 con un pizzico di ritorno al passato, visto che tornerà ad avere il numero 12 e riavrà Esteban Garcia come suo capo-tecnico. Nel 2013, quando vinse il titolo mondiale Moto3, aveva entrambi. Il pilota spagnolo spera di poter rinascere nel nuovo anno, lottando costantemente per podi e vittorie. Molto dipenderà anche dalla Yamaha, non all’altezza di Honda e Ducati nelle recenti annate.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di MotoGP, Superbike e F1 CLICCA QUI

MotoGP, Vinales parla di Forcada e Garcia

Vinales non ha vissuto un 2018 semplice, anche perché all’interno del suo box il clima non era dei migliori. Con il suo capo-tecnico Ramon Forcada non si è creato il giusto feeling e pertanto la separazione è stata inevitabile. Maverick a Motorsport.com ha così parlato dell’argomento: «È stata una decisione presa in collaborazione con Yamaha. La tensione vissuta con Forcada non era necessaria. Tecnicamente è molto difficile trovare qualcuno migliore di lui, ma sono stato indicato come l’unico responsabile della sua partenza e non è così. Questo ci ha fatto male, perché io devo lottare per un campionato e perché Ramon deve essere concentrato».

Il pilota Yamaha è felice di tornare a lavorare con Esteban Garcia, una persona nella quale ripone massima fiducia per il futuro: «Porterà ordine, cosa molto importante. Lo scorso anno abbiamo sbagliato molto nei piccoli dettagli e non li rivelo perché provocherebbero risate. Credo che Esteban avrà queste cose sotto controllo, e mi ha dimostrato di essere una persona che vuole migliorare sempre. A parte questo, penso che porterà molta tranquillità alla squadra». Vinales è convinto della propria scelta.

 

Matteo Bellan