F1, Kimi Raikkonen: “Non vedo l’ora di cominciare con Sauber”

Kimi Raikkonen
Getty Images

Kimi Raikkonen non vede l’ora di concentrarsi sulla “pura corsa” con la Sauber nella stagione di Formula 1 del 2019.

Raikkonen tornerà in Sauber dopo 18 anni di distanza, dopo essersi ricongiunto alla squadra con cui ha esordito nel Circus nel  2001, dopo aver lasciato il posto Ferrari all’arrivo di Charles Leclerc, che ben ha esordito proprio al volante della Sauber nella scorsa stagione.

Il finlandese ha trascorso quattro degli ultimi cinque anni della sua permanenza in Ferrari al fianco del quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel e mentre la coppia ha goduto di un rapporto armonioso, Raikkonen dice che non vede l’ora di cambiare ambiente. “Non vedo davvero l’ora”, ha detto il finlandese. “Sarà diverso in molti modi, ma l’obiettivo sarà sempre lo stesso. Spero che si rivelerà un bene per entrambi, questo è l’obiettivo. Penso che sia quello che possiamo fare, potrei sbagliarmi completamente, ma ho un buon feeling ed è per questo che ho accettato di tornare là”.

Sarà difficile ripetere i risultati ottenuti al volante della Rossa di Maranello, ma Kimi si dice entusiasta della prospettiva di aiutare la Sauber a continuare il suo rapido sviluppo, dopo gli impressionanti risultati ottenuti dalla scuderia svizzera nel 2018. Raikkonen ha ammesso di essere rimasto sorpreso di non notare una differenza grande tra i due avversari Ferrari e Sauber quando è entrato in contatto con il team per condurre i test post-stagione ad Abu Dhabi, ma vuole evitare di fissare obiettivi in ​​vista della nuova stagione. “Non ci ho mai pensato, vedremo una volta che cominceremo a guidare la nuova vettura. Vedremo dove siamo e proseguiremo da quel punto. Ovviamente è una sfida diversa ma mi piace, quindi è per questo che l’ho presa. Se chiedi a molte persone ci sono molte opinioni diverse su come andrà. Lo scopriremo e faremo del nostro meglio e penso che abbiamo buone possibilità di fare grandi cose – ha concluso Kimi Raikkonen -. Dove ci porterà, chi lo sa? Lo scopriremo”.