Tragedia di Sauze: 4 indagati, già sotto inchiesta per un caso analogo

 

Soccorsi
(Getty Images)

Quattro persone sono indagate per la morte della piccola Camilla Compagnucci, deceduta sulle piste da sci di Sauze d’Oulx. I quattro risultano essere già indagati per un caso analogo verificatosi l’anno scorso.

Ieri una tragedia sulla neve ha sconvolto l’Italia intera. Sulle piste di Sauze d’Oulx, un piccolo comune in val di Susa in provincia di Torino, una bambina di 9 anni ha perso la vita. La piccola di Roma si trovava in vacanza con il padre ed un amico; durante una normale discesa avrebbe perso il controllo degli sci e, dopo una rovinosa caduta, avrebbe battuto contro uno spigolo di una delle barriere frangivento. Oggi la Procura del capoluogo piemontese che sta indagando sul caso ha iscritto 4 persone nel registro degli indagati.

Incidente Sauze: quattro persone indagate

Una bambina ieri ha perso la vita mentre era in vacanza con il padre su una pista da sci di Sauze d’Oulx in Piemonte. Camilla Compagnucci, la piccola di 9 anni, nonostante i soccorsi è deceduta poco dopo essere stata trasportata presso l’ospedale Santa Margherita di Torino. Oggi la Procura di Torino ha aperto un fascicolo di inchiesta per omicidio colposo e il pm Giovanni Caspani ha iscritto nel registro degli indagati 4 persone. Questi ultimi, che secondo le ultime indiscrezioni sarebbero ex dirigenti e tecnici della società di gestione dell’impianto, la Sestrieres Spa, risultano essere già indagati all’interno di un’inchiesta relativa ad un caso simile. Il caso analogo riguarderebbe la morte del giovane ingegnere Giovanni Bonavenutura, deceduto in un incidente in sci lo scorso 20 gennaio. Il 31enne siciliano aveva perso la vita sull’altro versante della pista rispetto a quello dove ieri è morta la piccola Camilla. Al vaglio degli inquirenti è la presenza sulla pista delle barriere frangivento, in legno e sprovviste di imbottitura. I due fascicoli d’inchiesta, adesso, confluiranno in un’unica indagine; intanto è stata disposta dall’autorità giudiziaria l’autopsia sulla salma della bambina di 9 anni. L’esame autoptico dei prossimi giorni potrebbe chiarire se a causare il decesso di Camilla sia stata la rovinosa caduta, di oltre 50 metri, o l’impatto con le barriere frangivento.

Leggi anche —> Stava sciando con il papà, la caduta poi la tragedia