Max Verstappen punge Ricciardo: “Non mi mancherà”

Daniel Ricciardo e Max Verstappen (©Getty Images)

F1 | Verstappen punge Ricciardo: “Non mi mancherà”

Li abbiamo visti ridere e scherzare assieme in molteplici video targati Red Bull, ma evidentemente il rapporto tra Max Verstappen e Daniel Ricciardo non è mai stato rosa e fiori. Anzi, interrogato sulla partenza dell’australiano dal team per andare alla Renault l’olandese si è proclamato compiaciuto.

Personalmente non sentirò la sua mancanza anche se ci siamo divertiti e sono stato contento di averlo come compagno di squadra. Non mi è capitato spesso e credo che non succederà più“, ha confidato all’Algemeen Dagblad, consapevole che probabilmente con il rampante Pierre Gasly sarà ancora più dura la convivenza, specialmente alla luce della fame di riscatto che avrà certamente il francese, definito più volte dal talent scout energetico  Helmut Marko un buon pilota ma non un campione.

E’ comunque probabile che sarà Daniel ad avvertire la mancanza di quello che ha lasciato!“, ha aggiunto pungente ipotizzando un prossimo futuro di dolori nella scuderia di Enstone-Viry per il driver di Perth.

Passando poi ad una previsione di quello che sarà il proprio campionato 2019 il terribile #33 ha mostrato una certa fiducia nei confronti del nuovo motorista. “L’atteggiamento di Honda e i piani che hanno fissato sono qualcosa di totalmente differente rispetto a ciò a cui eravamo abituati con Renault. Con i francesi dovevamo sempre stare lì a spingere e pregare. Insomma veniva tutto da noi e spesso non ci ascoltavano, Adesso invece è l’opposto“, l’ennesima frecciata ai transalpini.

Da Sakura ci domandano parti in continuazione, come il cambio, dunque è impegnativo. Loro hanno voglia di fare prove su prove. Al banco stanno facendo più chilometri rispetto a me in pista“, ha proseguito da uomo-azienda e con i piedi per terra. “Forse ciò non sarà sufficiente per essere al top in ogni circuito, tuttavia se sapremo fare un passo avanti durante la stagione potremo lottare per il titolo nel 2020“.

Chiara Rainis