Panico sull’A1, guerriglia tra tifosi: “Abbiamo avuto paura”

0
99
Polizia
Polizia (Getty Images)

Un gruppo di tifosi del Torino, in viaggio verso Roma, è stato aggredito da alcuni supporter del Bologna. È accaduto stamane nell’area Chianti dell’A1 a Firenze.

Questa mattina, un’area di sosta nei pressi di Firenze è stata teatro dell’ennesimo scontro tra ultras. Un gruppo di tifosi del Bologna, in viaggio verso Napoli per assistere alla sfida contro la squadra di Ancellotti, ha aggredito dei tifosi del Torino che, invece, si stavano recando a Roma per il match contro la Lazio.

Scontri tra tifosi sull’autostrada A1

I supporters granata viaggiavano su tre bus mentre quelli del Bologna su due. Una vera e propria rissa in cui sono volati pugni, schiaffi ed anche dei sassi. La polizia accorsa sul posto ha preso atto di quanto accaduto e la Digos ha aperto un’indagine. Grazie alle telecamere di sorveglianza, gli inquirenti, hanno provato a ricostruire la vicenda. Un gruppo di cinquanta tifosi rossoblù sarebbe venuto a contatto con quello granata. I due gruppi si sarebbero scontrati, attaccandosi con pugni, calci, e lanciandosi oggetti atti ad offendere come bottiglie vuote e sassi. Nello scontro, a seguito del lancio di un masso, è stato infranto il vetro di uno dei bus provenienti da Torino. Sul mezzo c’erano anche donne e bambini. Fortunatamente non ci sono stati feriti tra i passeggeri.

Un tifoso granata, secondo quanto riportato da La Stampa dice: “Stavamo aspettando gli ultimi amici per ripartire quando siamo stati investiti alle spalle da una sassaiola da parte dei tifosi del Bologna. In tanti anni di trasferte non ci era mai capitata una cosa del genere, siamo sempre stati un gruppo tranquillo. Abbiamo avuto paura, il pullman è danneggiato ma per fortuna siamo riusciti a riprendere il viaggio verso Roma”.

Gli ultras coinvolti nella vicenda ora rischiano una denuncia per rissa e possesso di oggetti atti ad offendere.

Le parole di Matteo Salvini

Come se nulla avesse insegnato quanto accaduto pochi giorni fa a San Siro, dove a causa di uno scontro tra tifosi un capo ultrà ha perso la vita, oggi si è assistito all’ennesima scena di violenza. Matteo Salvini, Ministro degli Interni, ha voluto commentare con un Tweet l’accaduto. Il leader della Lega ha scritto sul social: “Cominciamo col tenere in galera questi deficienti, che non dovranno mai più mettere piede in uno stadio finché campano. Un vero tifoso non lancia sassi né usa coltelli, tolleranza zero!”.

Leggi anche —> Scontri Inter-Napoli: l’audio choc di un tifoso partenopeo – VIDEO