Scontri Inter-Napoli, è morto il tifoso investito

0
305

Arriva un aggiornamento gravissimo relativo a Inter-Napoli giocata ieri. Si tratta di una notizia davvero brutta, che riguarda il tifoso investito.

Il tifoso investito prima di Inter-Napoli giocata ieri. Si tratta di un supporter nerazzurro di 35 anni. Il grave episodio rappresenta il culmine degli scontri avvenuti tra gli esponenti delle due torcide, venuti pericolosamente a contatto. Il tifoso dell’Inter era stato portato in codice rosso all’ospedale San Carlo. I medici che lo hanno preso in cura lo avevano sottoposto ad una delicata quanto necessaria operazione chirurgica. Purtroppo però non è stato possibile fare niente per salvarlo. Tra gli altri gravi avvenimenti verificatisi a margine di Inter-Napoli si registra anche il ferimento di quattro sostenitori della squadra ospite. Tre di loro hanno ricevuto le medicazioni del caso e hanno poi fatto ritorno al ‘Meazza’ per assistere al match. Il più grave di loro, un 43enne, ha ricevuto una coltellata all’addome ed è stato ricoverato al ‘Sacco’.

Inter-Napoli, il tifoso morto investito da un van

Esponenti del tifo organizzato di fede rispettivamente interista e napoletana si sono scontrati in via Sant’Elena, presso via Novara, quando erano all’incirca le 19:30. Mancava un’ora al fischio di inizio. Si ritiene che tutto sia sorto a causa di un agguato teso dai supporters dell’Inter ai rivali del Napoli. Per quanto riguarda il tifoso morto, dopo una prima ricostruzione l’ipotesi più plausibile è che sia stato investito da un van carico di esponenti del tifo napoletano. Il fatale impatto dovrebbe essere avvenuto proprio poco dopo le 19:30, ovvero al termine degli scontri. Purtroppo non è la prima volta che una persona muore per via di una partita di calcio. Era toccato anche al napoletano Ciro Esposito, assassinato da un ultra romanista che nulla centrava con la finale Napoli-Fiorentina del 2014, morire in un modo altrettanto assurdo.

LEGGI ANCHE –> Caterina Balivo interrompe ‘Vieni da me’: “Ora basta. è il momento di fermarsi”