Home Automobilismo Wolff: “Schumacher nei miei pensieri. E’ la storia della Mercedes”

Wolff: “Schumacher nei miei pensieri. E’ la storia della Mercedes”

0
111
Michael Schumacher (©Getty Images)
F1 | Wolff: “Schumacher sempre nei miei pensieri. E’ la storia della Mercedes”
Nel corso di un’intervista al Bild Am Sonntag, il responsabile della Mercedes F1 Toto Wolff è tornato a parlare di Schumacher. Il campionissimo con i colori Ferrari che tanto però ha fatto anche con l’argento di Stoccarda.
Michael è sempre presente nella mia vita personale e in quella della scuderia. Pensiamo sempre a lui. Per me è il pilota più eccezionale di tutti i tempi, con una personalità incredibile. A tutti noi ci manca tanto, anche come consulente. Resta uno dei padri fondatori del recente successo del marchio nel Circus e ha contribuito a creare queste strutture dal 2010 al 2012”, le sue parole.
A proposito del Kaiser, alla domande se le Frecce potranno eguagliare il dominio del Cavallino tra il 2000 e il 2004, il manager austriaco ha detto: “È difficile fare dei paragoni. Da giovane ho seguito quello che hanno fatto lui e la Ferrari. Qualcosa di veramente incredibile. Noi ora dobbiamo rimanere umili e con i piedi a terra perché Maranello farà di tutto per batterci”.
Rimanendo in casa Schumi, Wolff ha commentato quanto sta facendo il giovane Mick, nel 2019 impegnato in F2. “Gli ho già offerto un contratto? Ha vinto il titolo di Formula 3 con un motore Mercedes. Ma per ora bisogna dargli il tempo per crescere e migliorarsi.
Passando poi al bilancio di un 2018 trionfale, il 46enne ha commentato: “Abbiamo ottenuto tante vittorie oltre a entrambi i mondiali di F1, abbiamo conquistato il campionato di F2, la Formula 3, tre nel DTM e il campionato eSports. Dove abbiamo partecipato come team ufficiale, abbiamo dominato“.
Infine sulle vacanze natalizie in arrivo ha raccontato: “La mia famiglia ha radici polacche, quindi si salterà la carne e mangeremo pesce alla vigilia. Per il resto farò sport in maniera costante. Lo sci non è possibile a causa del mio ginocchio, ma andrò a fare escursioni, stare con le ciaspole e naturalmente allenarmi nella sala pesi”.