Violenza Sessuale donna
(foto dal web)

Arrestato nel brindisino un 52enne accusato di aver violentato per 14 anni la propria figlia. Da queste violenze è nata una figlia adesso di 7 anni

Accuse gravissime per un uomo di 52 anni che è stato arrestato e trasferito in carcere. L’uomo avrebbe violentato la figlia per molti anni e da queste violenze sarebbe nata una bambina. A ricostruire la vicenda è stata la stessa vittima che, una volta scappata dalla famiglia, ha trovato il coraggio, grazie anche all’aiuto del nuovo compagno, di denunciare il padre.

Le violenze sarebbero iniziate quando era ancora una bambina

Una donna 29enne, nella provincia di Brindisi, ha trovato il coraggio di recarsi dalle forze dell’ordine e raccontare anni di soprusi da parte del padre, iniziati quando aveva solo 7 anni. Le violenze, non solo sessuali, ma anche fisiche e psicologiche sarebbero iniziate, difatti, nel 1995 e si sarebbero concluse nel 2010 quando la ragazza è scappata di casa per sfuggire ai maltrattamenti. Da queste violenze subite dal padre è nata una bambina che oggi ha 7 anni. Una volta abbandonata la casa di famiglia, la ragazza ha sposato un uomo, da cui si è separata dopo aver avuto un altro figlio,  a causa di nuovi maltrattamenti e soprusi. Dopo la separazione dal marito, la donna ha incontrato un nuovo compagno e con il suo aiuto ha trovato il coraggio di denunciare anni di maltrattamenti alle forze dell’ordine. La denuncia sporta lo scorso 20 giugno, è arrivata anche per la paura che i figli di 7 e 5 anni, nel frattempo a casa della famiglia d’origine della donna, potessero essere vittime anch’essi di maltrattamenti o ancor peggio di violenze.

Agli inquirenti la donna ha raccontato, inoltre, che all’età di 15 anni aveva avuto un’altra gravidanza incestuosa che però era stata interrotta con un aborto in una struttura pubblica. Secondo il racconto della donna, sarebbe stato il padre a costringerla ad abortire, facendole raccontare ai medici che aveva subito violenze da parte di un altro uomo. Dopo la denuncia della donna e le indagini degli inquirenti, l’uomo è stato tratto in arresto e trasferito presso la Casa Circondariale di Lecce, mentre il Tribunale dei minori di Lecce ha disposto l’affidamento dei due bambini ad una struttura protetta in provincia di Brinidisi.