Costa gongola: “Verstappen ancora molto lontano da Hamilton”

0
135
Lewis Hamilton e Max Verstappen (©Getty Images)

F1 | Costa gongola: “Verstappen ancora lontano da Hamilton”

Intervenuto in occasione della consegna dei Caschi d’Oro d’Autosprint, l’attuale responsabile progetto e sviluppo della Mercedes Aldo Costa si è lasciato andare in un confronto diretto tra Lewis Hamilton e il talento del futuro Max Verstappen, apparso soprattutto nella seconda metà del campionato 2018 meno emotivo ed istintivo e dunque finalmente un po’ più solido rispetto agli standard a cui ci ha abiutato.

L’olandese ha talento ed è veloce, ma deve ancora crescere in termini di costanza, ovvero in quello che è l’elemento di forza di Ham“, ha sottolineato l’ingegnere italiano.

Pur senza estromettere la Ferrari dalla lotta al titolo 2019, a Stoccarda sono un po’ tutti convinti che il loro  vero competitor  sarà la Red Bull e in particolare proprio lo scapestrato #33. Ad appoggiare questo pensiero anche lo stesso 6 volte iridato di F1.

Se il suo team saprà lavorare bene e fornirgli una piattaforma valida, allora Max potrà essere ancora più vicino a noi, o comunque in battaglia“, aveva sostenuto qualche tempo fa il driver di Stevenage, sollecitato a tal proposito.

Tornando alle parole di Costa, il 57enne ha proseguito nella sua riflessione sul mondiale che scatterà da marzo in Australia. “Purtroppo quest’anno abbiamo faticato a capire le gomme, aspetto su cui invece la scuderia austriaca non ha mostrato difficoltà, inoltre la nostra affidabilità, seppur discreta, non è stata ottima. Considerate le loro dichiarazioni entusiastiche sul valore del nuovo motore Honda mi aspetto di vederli davanti con noi. In ogni caso credo che anche la Rossa sarà della partita“.

Secondo il parmense non vedremo neppure più quell’abisso siderale che ha diviso i 3 big con il resto del gruppo ultimamente. “Non vanno comunque dimenticate Renault, Sauber e Haas. A mio avviso il gap tra i migliori e gli altri diminuirà in maniera evidente“, ha chiosato il tecnico.

Chiara Rainis