Gigi Dall'Igna
Gigi Dall’Igna (Getty Images)

Ducati, Gigi Dall’Igna: “Moto3 importante, possiamo scoprire talenti”.

Ducati non ha mai nascosto l’idea di approdare in Moto3, ma resta ancora un progetto a medio-lungo termine, o almeno fino a quando non arriverà il titolo MotoGP. La classe cadetta è il miglior bacino per scoprire e far crescere nuovi talenti, un investimento per il futuro che può rivelarsi molto fruttuoso: “La Moto3 è la classe più importante per assumere piloti”, ha spiegato Gigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse. “È il modo migliore per capire quanto potenziale ha un pilota.” (Per tutte le news sul mondo Ducati LEGGI QUI)

Dal 2015 Gigi Dall’Igna pensa alla costruzione di una 250 cc Moto3, ma i tempi non sembrano ancora maturi per fare questo passo: “Non c’è modo migliore per capire il potenziale di un pilota, sono sempre convinto che sia importante per la Ducati essere in questa classe – ha detto il manager Ducati a Speedweek.com -. Ma prima dobbiamo fare il nostro lavoro nella classe MotoGP”.

Dopo il secondo posto di Andrea Dovizioso nel Campionato del Mondo 2017 e 2018 la Ducati vuole vincere il secondo titolo nella classe regina, il primo risale ai tempi di Casey Stoner, ben undici anni fa. Inoltre Borgo Panigale ha investito molto sullo sviluppo della nuova Superbike V4 con cui lanciare la sfida alla Kawasaki e dare l’assalto al Mondiale SBK. Sulla Moto3 non c’è ancora nessun progetto concreto, nè in azienda ci sono tecnici che si siano dedicati a questo progetto: “Ma lo teniamo a mente… Così potremo legare talenti provenienti dalle piccole classi al marchio Ducati in anticipo. Piloti come Jorge Lorenzo si possono legare all’età di 15 anni come ha fatto il mio precedente datore di lavoro”, ha concluso Gigi Dall’Igna.