Jorge Lorenzo: “Ho battuto Marquez? Anche Rossi avrebbe potuto farlo”

Lo spagnolo vuole battere il compagno di team

0
1373
Jorge Lorenzo (Getty Images)

MotoGP | Jorge Lorenzo: “Ho battuto Marquez? Anche Rossi avrebbe potuto farlo”

Jorge Lorenzo si appresta ad affrontare una delle stagioni più dure della sua carriera. Il pilota spagnolo, infatti, si troverà ad essere compagno di team di Marc Marquez nella prossima annata. Il rider iberico punta ad essere fin da subito competitivo in HRC per contendere il titolo al fuoriclasse di Cervera.

Come riportato da “BT Sports”, Jorge Lorenzo ha così parlato del suo nuovo team: “Da un lato è un peccato aver cambiato nuovamente squadra, perché una cosa è chiara: più tempo sei in un team e più migliorano i risultati perché sviluppi meglio la moto. Ricordo come ero migliorato nel mio ultimo anno in Yamaha. Quando cambi ti devi di nuovo abituare alla moto. Però è bello provare cose nuove e avere nuove sfide e motivazioni”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Jorge Lorenzo CLICCA QUI

Lorenzo vuole battere Marquez

Lo spagnolo ha poi proseguito: “Marquez è un cinque volte campione del mondo, ha vinto al primo anno in MotoGP, quindi è un gran talento. Non vince però solo grazie al talento, lavora sodo ed ha grandi ambizioni. Non ha il minimo timore di cadere e questo può essere un vantaggio o uno svantaggio, è un pilota eccezionale ed un atleta eccellente. Sono consapevole che è un pilota incredibile, ma ho firmato per Honda non per correre una stagione in più ma per batterlo”.

Infine Jorge Lorenzo ha così parlato del 2015 e del fatto di essere stato l’unico in questi ad aver sottratto un titolo a Marquez: “Quell’anno anche Valentino avrebbe potuto farlo all’epoca, ma alla fine ero io quello più felice. Penso che quell’anno sono stato il più veloce in assoluto e quindi ho vinto il mondiale con pochi punti di differenza. Sono l’unico ad aver strappato un titolo a Marc, ma questo non vuol dire che non possa accadere nuovamente. Combatterò ogni giorno affinché questo accada”.

Antonio Russo