antonio megalizzi strasburgo
Antonio Megalizzi, l’italiano ferito gravemente nell’attentato di Strasburgo

In seguito all’attentato di ieri avvenuto a Strasburgo sono morte 3 persone ed altre 13 sono rimaste ferite, tra le quali un italiano. Questa la sua identità.

Si chiama Antonio Megalizzi il cittadino italiano ferito nell’attentato di Strasburgo. Il fatto è accaduto nella serata di ieri, attorno alle ore 20:00. Il responsabile dell’atto terroristico, il 29enne Cherif Chekatt, già noto alle autorità per precedenti di aggressione e per essere un elemento radicalizzato, è attualmente ricercato da centinaia di agenti delle varie forze dell’ordine francesi, tra polizia e reparti speciali. E sembra che l’uomo di origini nordafricane sia riuscito a sfuggire per due volte all’arresto dopo l’attentato, nonostante sia stato ferito, oltre ad evitare anche l’arresto in un blitz di ieri mattina per una rapina. Per quanto riguarda il nostro connazionale, si tratta di un giornalista di 28 anni residente a Trento e colpito alla testa da un proiettile. Antonio Megalizzi è attualmente ricoverato in ospedale in gravi condizioni. Il colpo lo ha raggiunto alla base del cranio, in base alle informazioni trapelate. Nell’attentato di Strasburgo sono state uccise 3 persone mentre almeno altre 13 hanno riportato ferite di varia entità.

LEGGI ANCHE –> Sparatoria a Strasburgo, parla un testimone

Strasburgo: chi è Antonio Megalizzi, l’italiano ferito

Megalizzi lavora per l’emittente radio ‘Europhorica‘, sorta nell’ambito di un progetto universitario, e si trovava a Strasburgo come inviato per l’assemblea plenaria del Parlamento Europeo. Vanta inoltre una buona esperienza anche in altri network dell’etere. Sulle prime era sembrato che il nostro connazionale non fosse stato ferito in maniera grave. Purtroppo però non sembrerebbe essere così. Euphorica ha diramato il seguente comunicato. “Riguardo allo staff italiano di Europhonica a Strasburgo ed al collega ferito non possiamo confermare alcuna notizia sulla sua salute attuale. Chiediamo ai colleghi della stampa di rispettare la privacy del nostro collega. Saremo pronti a comunicare qualsiasi notizia verificata appena la avremo”.

LEGGI ANCHE –> Strasburgo, i drammatici filmati dell’attentato – VIDEO