Franco Morbidelli
Getty Images

MotoGP, Franco Morbidelli: “Dopo i test sapremo cosa aspettarci”

Franco Morbidelli ha lasciato la Honda satellite del team Marc VDS per aderire al nuovo progetto Yamaha SIC Petronas. I risultati dei primi test sono stati soddisfacenti, è stato subito veloce con la M1 e ha concluso al sesto posto, consapevole di avere ancora diversi dettagli da migliorare. La pausa invernale trascorrerà tra giornate sulla neve e l’affetto dei familiari, prima di pensare al primo test di Sepang a febbraio, che sarà preceduto dalla presentazione ufficiale del team sul tracciato malese.

>> Per tutte le notizie del Motomondiale 2019 LEGGI QUI

Franco Morbidelli e il nuovo progetto Yamaha satellite

Quando gli è stato proposto il progetto l’ex campione della Moto2 ha abbracciato con entusiasmo l’avventura in Yamaha: “Ero molto felice quando la chiamata è arrivata dal mio manager e lui mi ha parlato di questa possibilità. Ha parlato di un nuovo progetto ambizioso con buone probabilità potesse essere una grande sfida per me. Da quel momento in poi, ero interessato alla struttura della nuova squadra e parlato con la gente di Yamaha”.

Dopo aver vinto il titolo di rookie of the year dal prossimo anno sarà inevitabile avvertire più pressione. Ma avrà a disposizione un potenziale maggiore oltre ad un capotecnico di massimo rispetto come Ramon Forcad: “È un uomo molto esperto e un capo dell’equipaggio, quindi sono molto curioso di sapere come trasferire il nostro lavoro in pista… Dobbiamo guidare più giri per capire esattamente come e cosa è necessario cambiare nel mio stile di guida. Penso che sarà un processo naturale che esamineremo passo dopo passo per vedere cosa devo fare più velocemente”. Per il momento non si possono fare pronostici per la prossima stagione: “Dobbiamo aspettare e vedere come si svolgeranno i prossimi test a febbraio e marzo. Ci aspettiamo nuovo materiale per i test, dovremo provarlo e vedere come andiamo avanti. Una volta finita la preseason, avremo una buona idea di cosa aspettarci dal primo Gran Premio”.